Guida ai Master e Corsi di Psicologia per professionisti

INPEF. Master: Giuridica; Psicopedagogia, TeatroTerapia; Genitorialità; Adozione; LIS; Operatori strutture residenziali - Roma

INPEF
Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare

Master: Psicologia giuridica; Psicopedagogia e TeatroTerapia; Genitorialità; Adozione e affido; Minorazioni sensoriali, LIS e codice Braille; Operatori per strutture residenziali di accoglienza comunitarie - Roma

DIREZIONE
Roma: Via dei Papareschi, 11 - 06.5803948
www.pedagogiafamiliare.it
MASTER CORSI DI FORMAZIONE IN PSICOLOGIA 2019


L'Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare, fondato dalla Prof.ssa Vincenza Palmieri, ha come mission la realizzazione di progetti umanitari a carattere nazionale e internazionale, in particolare nel campo dei diritti umani dell'infanzia e dell'adolescenza.
È un Ente accreditato presso il MIUR con Decr. Prot. n. AOODPIT.852 del 30/07/2015.
È un Ente con sistema di gestione certificato da Kiwa Cermet Italia secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008. ​
È attivo sia sul fronte macro delle iniziative legislative - nel campo della famiglia, dei minori, dell'apprendimento - sia sul fronte delle sue declinazioni singole, individuali, specifiche. ​
Opera attraverso interventi di varia natura, privilegiando l'attività di formazione, ritenuta presupposto fondamentale per un'azione efficace e di qualità.
Realizza, dunque, master, corsi, attività laboratoriali concrete e iniziative formative di alto livello, volte a promuovere cambiamenti di natura culturale e legislativa, in affiancamento a organismi istituzionali nazionali e sovranazionali.
MASTER IN PSICOLOGIA GIURIDICA: MINORI, GENITORIALITÀ, DANNO, CTU-CTP
Master in Psicologia giuridica e forense
1500 ore con esame finale

Obiettivi
- Delineare il profilo professionale dello Psicologo giuridico nel rispetto della deontologia e della conoscenza delle norme del codice civile penale all'interno delle quali muove il suo operato
- Esplorare i percorsi di sostegno e riabilitazione possibili in ambito penitenziario esaminandone la loro fattibilità ed efficacia anche dal punto di vista del minore ristretto
- Imparare a padroneggiare la tecnica e la metodologia per la stesura di una relazione di una perizia e di una consulenza tecnica d'ufficio o di parte
Sbocchi professionali
- Iscrizione in qualità di esperto presso il Tribunale di Sorveglianza
- Iscrizione all'albo dei consulenti tecnici d'ufficio
- Partecipazione (se in possesso di tutti i requisiti richiesti) alla selezione per la nomina di componenti privati presso i Tribunali per i minorenni e le Corti d'appello
- Svolgimento del ruolo di Consulente Tecnico e Perito ai sensi dell'articolo 80 dell'Ordinamento penitenziario
- Esercitare la professione come Consulente Tecnico di Parte su nomina degli Avvocati
Destinatari
Il Master in Psicologia giuridica e forense è rivolto a Psicologi, Psicoterapeuti, Medici Psicoterapeuti e studenti laureandi e specializzandi in suddette discipline.
Ad alcune Lezioni Magistrali o Corsi Intensivi possono essere ammessi anche: Avvocati, Assistenti sociali, Pedagogisti familiari, Criminologi, Pedagogisti e personale in servizio nella Polizia di Stato, nell'Arma dei Carabinieri, nel Corpo della Guardia di Finanza, nella Marina Militare, nell'Aeronautica Militare, nella Polizia Penitenziaria, nel Corpo Forestale dello Stato, nel Corpo Militare Croce Rossa, nella Polizia Municipale.
Sede didattica
Le lezioni si svolgono a Roma presso le sedi dell'Istituto, distanti tra loro poche centinaia di metri.
Sede di Via dei Papareschi, 11 - Angolo Piazza della Radio (Palazzo Fedeli ex Gruppo Clark).
Sede di Viale di Trastevere, 209.
Durata
Il Master ha una durata complessiva di 1500 ore di formazione comprensive dell'intero carico didattico (lezioni in aula, moduli formativi a distanza con esercitazioni, lettura di testi consigliati, simulazioni, visite di istruzione, elaborazione di progetti di intervento e di percorsi rieducativi, eventuale tirocinio, stesura e discussione dell'elaborato finale).
Metodologia
Il Master si compone di insegnamenti caratterizzanti e di insegnamenti trasversali ad altre discipline.
La didattica è articolata in lezioni, esercitazioni, simulazioni, visite di istruzione, stesura di relazioni tecniche, pro veritate, analisi di casi in CTU.
Vengono approfondite tematiche attuali per formare in modo completo e operativo coloro che volessero intraprendere l'attività peritale e aggiornare coloro che già operano nel settore, attraverso la presentazione, l'analisi e la discussione di casi pratici specifici per ogni tema trattato.
I docenti forniscono come supporto all'attività slides, dispense e relazioni che, unitamente alla bibliografia offerta, costituiscono la modalità generale di studio dell'intero Master.

Programma
Introduzione al Master e concetti base
- La Psicologia giuridica: definizione, origine e aree di intervento
- Relazione tra Diritto e Psicologia in ambito forense
- Ruoli e funzioni del Perito, del CTU e del CTP
- Elementi di Psicologia clinica, di Psicologia dello sviluppo e di Psicopatologia
- Elementi di Criminologia
Elementi di Diritto
- Convenzioni internazionali sui diritti dell'infanzia
- Il diritto civile
- Il diritto di famiglia
- Il diritto penale
- Il diritto penale minorile
- Il processo penale minorile
- Misure cautelari minorili
- La mediazione penale minorile, il recupero e il reinserimento sociale
Normativa e linee guida per lo Psicologo giuridico
- Il codice deontologico
- Linee guida nazionali per lo Psicologo giuridico
- Le Convenzioni Internazionali sui Diritti dell'uomo e dell'infanzia
- La Carta di Noto, la Convenzione di Lanzarote, le linee guida SINPIA
Minori
- Adolescenti e social network: baby stalking, bullismo, cyberbullismo
- Abuso e maltrattamento (l'abuso sessuale su minore intrafamiliare ed extrafamiliare; pedofilia, pedopornografia e incesto; la violenza assistita; la violenza domestica; la famiglia abusante; norme di contrasto e prevenzione alla violenza e allo sfruttamento sessuale di minori)
- Gli abusi collettivi
- I falsi abusi
- L'ascolto del minore sessualmente abusato:gli indicatori di abuso, i colloqui protetti e l'audizione protetta in sede di incidente probatorio; valutazione dell'attendibilità e della credibilità della testimonianza del minore
Minori e famiglia
- Responsabilità genitoriale (ex artt. 330, 333, 336 c.c.; L.184/83, L.219/2012); competenze e funzioni genitoriali
- Interdizione e decadenza della potestà genitoriale
- Valutazione della capacità genitoriale: la "patente" del genitore
- Affidamento familiare e sue criticità
- Allontanamento del minore e sua criticità
- Il sistema delle case-famiglia in Italia
- Gli incontri protetti in spazio neutro: usi e abusi
- Uso e limiti critici della stanza bidirezionale
- Adozione (L.184/83 e L.149/2001) lo stato di abbandono morale e materiale del minore; valutazione delle capacità genitoriali nei procedimenti di adottabilità; idoneità all'adozione nazionale e internazionale (Corso a distanza con esercitazione)
- Sottrazione internazionale dei minori; convenzioni internazionali, tratta dei minori (Corso a distanza con esercitazione)
Lo Psicologo giuridico in ambito penale
- Valutazione della capacità a delinquere e della pericolosità sociale
- Valutazione della capacità a partecipare coscientemente al processo
- L'imputabilità nell'adolescente (concetti di maturità e responsabilità penale)
- L'ordinamento penitenziario e la sua attuazione: le criticità del trattamento e del reinserimento
- Progetti di rieducazione e reinserimento sociale
- Stalking (il profilo della vittima e dell'autore)
- Violenza di genere e femminicidio (il profilo della vittima e dell'autore)
- Vittimologia e autopsia psicologica
- La violenza psicologica
Valutazione del danno
- Il danno psichico
- Il danno esistenziale
- La quantificazione del danno
- Il danno da mobbing
- Il danno da stress lavoro-correlato
Metodologia e tecnica della perizia e della consulenza tecnica d'ufficio e di parte
- La formulazione del quesito da parte del giudice
- L'incarico su nomina di parte
- L'albo dei Periti e dei Consulenti Tecnici d'Ufficio
- Metodologia di stesura delle relazioni tecniche; il ragionamento forense
- Metodologia Psicologia e Psicodiagnostica: l'anamnesi, il colloquio clinico, i test
- Utilizzo dei test in ambito psico-giuridico: le batterie di test più utilizzate; metodologia di somministrazione; esercitazioni pratiche
- Analisi e studio di casi pratici relativi ai temi trattati
- Esercitazioni pratiche: la stesura di una perizia, di una consulenza tecnica d'ufficio, di una consulenza tecnica di parte
Approfondimenti
- Il Giudice Onorario
- L'espero del Tribunale di Sorveglianza
- (Corsi erogati su piattaforma online con esercitazione)

Tirocinio
L'attività di tirocinio non è obbligatoria e la sede di svolgimento è individuata autonomamente dallo studente.
Il tirocinio, pertanto, può essere svolto a discrezione dello studente sulla base del percorso di studi e di specifici interessi culturali e/o professionali, dopo aver frequentato almeno il 50% delle lezioni.
Attestato
Vengono rilasciati l'Attestato di frequenza e il Certificato di competenza.
Costi
Sono previste agevolazioni, rateizzazioni e 10 borse di studio parziali.
Per ulteriori informazioni o iscrizioni contattare la segreteria tramite il form sottostante oppure ai numeri: 06.5803948 - tel./fax 06.55302868 - 329.9833862 - 329.9833356.

Contatta INPEF: Master in Psicologia giuridica e forense - Roma
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: INPEF: Master in Psicologia giuridica e forense - Roma
MASTER: PSICOPEDAGOGIA E TEATROTERAPIA
Master in Pedagogia teatrale
Professionalizzante per Operatori che utilizzano le tecniche teatrali nei contesti educativi
1500 ore con esame finale

Obiettivi
- Promuovere lo sviluppo della qualità dell'istruzione attraverso l'introduzione delle attività teatrali nell'offerta formativa e nel piano didattico disciplinare
- Ideare, progettare e mettere in scena attività teatrali nei contesti educativi
- Educare gli studenti ad essere sia produttori (autori, attori, registi, ...) che fruitori d'arte
- Formare docenti/operatori specializzati
- Sviluppare il pensiero critico
- Stimolare la creatività
- Favorire attività di cooperative learning
- Educare all'ascolto attivo, alla relazione empatica, all'assunzione di responsabilità
Sbocchi professionali
Al termine del Master i partecipanti possono operare in ambiti di carattere sociale ed educativo a partire dal coordinamento della gestione di attività in strutture scolastiche fino ai centri di sostegno e cura per anziani, minori e stranieri e di strutture che si occupano di chi ha problemi fisici e psichici.
Destinatari
Il Master in Pedagogia teatrale è rivolto a Insegnanti curriculari, Insegnanti di sostegno, Assistenti educativi culturali, Pedagogisti, Pedagogisti familiari, Psicologi, Educatori professionali, Operatori di case famiglia e comunità, Assistenti sociali, Counselor, Attori, laureati e laureandi in Arti Scienze dello Spettacolo, laureati e laureandi DAMS e chiunque, fortemente motivato, presenti un adeguato Cv.
Sede didattica
Le lezioni si svolgono a Roma presso le sedi dell'Istituto, distanti tra loro poche centinaia di metri.
Sede di Via dei Papareschi, 11 - Angolo Piazza della Radio (Palazzo Fedeli ex Gruppo Clark).
Sede di Viale di Trastevere, 209.
Durata
Il Master ha una durata complessiva di 1500 ore di formazione comprensive dell'intero carico didattico (lezioni in aula, moduli formativi a distanza con esercitazioni, lettura di testi consigliati, laboratori esperienziali, eventuale tirocinio, stesura e discussione dell'elaborato finale).
Metodologia
La didattica è articolata in lezioni frontali, didattica laboratoriale, circle time, laboratori esperienziali.

Programma
- Le indicazioni strategiche MIUR per l'utilizzo didattico delle attività teatrali e cinematografiche per il potenziamento della formazione nel settore delle arti nel curriculum delle scuole di ogni genere e grado (2016)
- L'evoluzione del teatro nella storia: teatro specchio della società
- Fondamenti di Pedagogia teatrale
- Il teatro come mediatore nelle relazioni
- Linguaggi multimediali nell'intervento sociale
- Pedagogia della creatività e contesti educativi (scuola, comunità, carcere, casa famiglia, ospedale)
- Il "Form-attore": un nuovo profilo professionale tra teatro e formazione
- Come la formazione va in scena
- Metodologie e tecniche della conduzione del gioco e dell'animazione educativa
- La letteratura per l'infanzia (e l'Albo illustrato)
- L'educatore clown: educazione, benessere e ironia nei contesti educativi e sanitari
- Tonalità, volume, ritmo, velocità: i quattro pilastri della lettura
- Tecniche di improvvisazione e costruzione scenica
- La comunicazione non verbale
- Il teatro come armonizzatore sociale: la gestione dei conflitti
- La Pedagogia dell'errore: l'errore come strumento
- Teatro e disabilità
- La scrittura creativa
- Come leggere un testo
- Andare in scena: il teatro nel curriculo scolastico e la gestione delle emozioni nella classe
- Come progettare un'attività educativa con il teatro
- La fabbrica del teatro: la scenografia, le musiche, i costumi, le luci
- 360° di arte (teatro, musica, danza, pittura, scultura, scrittura, cinema)

Tirocinio
L'attività di tirocinio non è obbligatoria e la sede di svolgimento è individuata autonomamente dallo studente.
Il tirocinio, pertanto, può essere svolto a discrezione dello studente sulla base del percorso di studi e di specifici interessi culturali e/o professionali, dopo aver frequentato almeno il 50% delle lezioni.
Attestato
Vengono rilasciati l'Attestato di frequenza e il Certificato di competenza.
Costi
Sono previste agevolazioni, rateizzazioni e 10 borse di studio parziali.
Per ulteriori informazioni o iscrizioni contattare la segreteria tramite il form sottostante oppure ai numeri: 06.5803948 - tel./fax 06.55302868 - 329.9833862 - 329.9833356.

Contatta INPEF: Master in Pedagogia teatrale - Roma
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: INPEF: Master in Pedagogia teatrale - Roma
CORSO: MEDIAZIONE FAMILIARE, CONFLITTO, GENITORIALITÀ
Corso: 'Conflitti familiari e coordinamento genitoriale'
Durata: 300 ore

Obiettivi
- Potenziare, a scopo professionale, la competenza relazionale attraverso l'analisi dei diversi stili comunicativi
- Implementare le abilità di Mediazione familiare necessarie per interagire con coppie genitoriali in situazioni di conflitto interpersonale
- Padroneggiare i concetti essenziali di tipo giuridico e psicologico per aiutare le coppie in conflitto a comprendere e a dare attuazione alle decisioni giudiziarie a vantaggio dei minori in esse coinvolte
- Acquisire la capacità di progettazione di piani genitoriali efficaci ma soprattutto di assistere i genitori ad alta conflittualità ad applicare provvedimenti giudiziari e a risolvere le controversie riguardanti i propri figli applicando principi pedagogici, psicologici, giuridici
Destinatari
Avvocati, Psicologi, Psicoterapeuti, Mediatori familiari, Pedagogisti, Insegnanti, Educatori professionali, Assistenti sociali, Pedagogisti forensi, Periti, Giudici onorari, Psicologi giuridici, laureati in Scienze dell'educazione.
Sede didattica
Le lezioni si svolgono a Roma presso le sedi dell'Istituto, distanti tra loro poche centinaia di metri.
Sede di Via dei Papareschi, 11 - Angolo Piazza della Radio (Palazzo Fedeli ex Gruppo Clark).
Sede di Viale di Trastevere, 209.
Durata
Il Corso: 'Conflitti familiari e coordinamento genitoriale' ha una durata complessiva di 300 ore così distribuite: 28 di formazione in aula (nel weekend) comprensive di attività laboratoriali; moduli formativi online, attività di autoformazione, preparazione esame finale.
Metodologia
Lezioni in aula, esercitazioni e simulazioni di coordinamento genitoriale, discussione e studio di casi, autoformazione attraverso: lettura critica di testi consigliati e analisi di documentazione autentica.

Programma
- L'organizzazione e le competenze del Tribunale civile in materia di Diritto di Famiglia
- Il coordinamento genitoriale: definizione e ambiti di intervento
- Pedagogia familiare e coordinamento genitoriale a confronto
- L'affido condiviso del minore
- Le linee guida per la realizzazione degli interventi di coordinamento genitoriale
- Le relazioni tra Diritto e Scienze nel processo: ruolo e funzioni del CTU e del CTP
- Comunicazione efficace e gestione dei conflitti
- Le tipologie di piano genitoriale

Accreditamento
È previsto il rilascio di crediti formativi per Avvocati (Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma) e Assistenti sociali.
Attestato
Vengono rilasciati l'Attestato di frequenza e il Certificato di competenza.
Costi
Sono previste agevolazioni e rateizzazioni.
Per ulteriori informazioni o iscrizioni contattare la segreteria tramite il form sottostante oppure ai numeri: 06.5803948 - tel./fax 06.55302868 - 329.9833862 - 329.9833356.

Contatta INPEF: Corso: 'Conflitti familiari e coordinamento genitoriale' - Roma
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: INPEF: Corso: 'Conflitti familiari e coordinamento genitoriale' - Roma
MASTER: ADOZIONE E AFFIDO
Master in Situazioni di Affido e Adozione
Durata: 1500 ore

Obiettivi
- Fornire le competenze per la gestione delle problematiche delle famiglie adottive o affidatarie
- Sensibilizzare, informare e formare le figure che, a vario titolo, sono coinvolti dalla problematica
Destinatari
Genitori adottivi, Affidatari, Volontari, Assistenti sociali, Avvocati, Educatori, Insegnanti, Dirigenti scolastici, Mediatori coniugali e familiari, Psicologi, studenti universitari, laureati e tirocinanti in: Psicologia, Pedagogia, Scienze sociali, Educatori professionali e di comunità, Giurisprudenza, altri Corsi di Laurea affini.
Sede didattica
Le lezioni si svolgono a Roma presso le sedi dell'Istituto, distanti tra loro poche centinaia di metri.
Sede di Via dei Papareschi, 11 - Angolo Piazza della Radio (Palazzo Fedeli ex Gruppo Clark).
Sede di Viale di Trastevere, 209.
Durata
Il Master in Situazioni di Affido e Adozione ha una durata complessiva di 1500 ore di formazione comprensive dell'intero carico didattico (lezioni in aula, moduli formativi a distanza con esercitazioni, simulazioni, stesura e discussione dell'elaborato finale).
Metodologia
Per ogni argomento, oltre alla relazione teorica e al successivo dibattito, vi è la presentazione di casi reali e si prospetta la soluzione, anche con l'ausilio dei contributi dei vari gruppi.
Sono presenti ospiti che portano la propria testimonianza.
Il corsista è protagonista del suo itinerario di formazione e trova risposte ai suoi dubbi di carattere giuridico, umano e relazionale.

Programma
L'attuale scenario normativo:
- Adozione nazionale, affidi temporanei
- Affido condiviso, bigenitorialità
- Case famiglia e adozioni
- I servizi territoriali
- Iter e istituzioni di riferimento: la scelta adottiva
- Diritti e doveri del genitore adottivo
- L'asse ereditario
- Il disconoscimento dell'adozione
L'adozione internazionale:
- Cenni storici
- L'Istituto. Legislazione internazionale, convenzioni
- I protagonisti: la Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI)
- Gli enti autorizzati
- Le criticità dell'adozione internazionale e l'accompagnamento alla genitorialità "internazionale"
- Consulenza alle famiglie
- Rivelare al bambino le sue origini
- Testimonianze
Il sostegno alla genitorialità:
- Arriva il bambino tanto atteso
- Rivelare al bambino le sue origini
- L'integrazione scolastica dei bambini in affido o adozione
- Adottare adolescenti
- Figli adottivi nella maggiore età
- Adozioni, affido ed handicap
- "Il bambino che non vuol essere adottato"
- L'educazione di un figlio adottivo
- Rapporti tra figli naturali e adottivi
- La relazione d'aiuto
- La consulenza alla famiglia adottiva
- Il genogramma familiare
Esperienze:
- Testimonianze
- Esercitazioni e simulazioni
- Filmografia

Accreditamento
È previsto il rilascio di crediti formativi per Avvocati (Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma) e Assistenti sociali.
Tirocinio
L'attività di tirocinio non è obbligatoria e la sede di svolgimento è individuata autonomamente dallo studente.
Il tirocinio, pertanto, può essere svolto a discrezione dello studente sulla base del percorso di studi e di specifici interessi culturali e/o professionali, dopo aver frequentato almeno il 50% delle lezioni.
Attestato
Vengono rilasciati l'Attestato di frequenza e il Certificato di competenza.
Costi
Sono previste agevolazioni, rateizzazioni e 10 borse di studio parziali.
Per ulteriori informazioni o iscrizioni contattare la segreteria tramite il form sottostante oppure ai numeri: 06.5803948 - tel./fax 06.55302868 - 329.9833862 - 329.9833356.

Contatta INPEF: Master in Situazioni di Affido e Adozione - Roma
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: INPEF: Master in Situazioni di Affido e Adozione - Roma
MASTER: MINORAZIONI SENSORIALI, LIS E CODICE BRAILLE
Master in Minorazioni sensoriali e nuove lingue
Lingua dei Segni Italiana (LIS) - Codice Braille - LIS tattile
Durata: 1000 ore

Obiettivi
Conoscere la cultura e la lingua della comunità non udente e non vedente e acquisire le competenze tecniche e strutturali della comunicazione visivo-gestuale e tattile.
Destinatari
Docenti, Educatori, Pedagogisti, Assistenti sociali, Psicologi, Medici, Infermieri, Logopedisti, Tecnici della riabilitazione, Fisioterapisti, Operatori sanitari e sociali, tirocinanti della facoltà di Scienze della Formazione Primaria, studenti e tirocinanti della facoltà di Scienze della Educazione e Formazione / Scienze della Comunicazione, Insegnanti di sostegno, Dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni, Forze dell'Ordine, studenti delle Scuole Secondarie, Universitari, Addetti alle reception e accoglienza, Hostess, Addetti alle Pubbliche Relazioni e Incarichi Politici.
Sede didattica
Le lezioni si svolgono a Roma presso le sedi dell'Istituto, distanti tra loro poche centinaia di metri.
Sede di Via dei Papareschi, 11 - Angolo Piazza della Radio (Palazzo Fedeli ex Gruppo Clark).
Sede di Viale di Trastevere, 209.
Durata
Il Master ha una durata complessiva di 1000 ore di formazione comprensive dell'intero carico didattico (lezioni in aula, moduli formativi a distanza con esercitazioni, simulazioni, stesura e discussione dell'elaborato finale).
Metodologia
Il Master prevede una prima parte teorica, che fornisce le nozioni essenziali per poi proseguire con un percorso prevalentemente pratico.
Sono previste esercitazioni e simulazioni per consentire un reale e facile apprendimento della lingua.
Si lavora in gruppo ma ognuno si misura individualmente con le tecniche e il loro utilizzo.

Programma
- Classificazioni diagnostiche e accesso al sostegno, la Legge 104/92
- Le Minorazioni sensoriali
- L'ICF (Classificazione Internazionale del Funzionamento della Disabilità) e l'integrazione scolastica
- Il PEI (Piano Educativo Individualizzato)
- Aspetti bio-medici della sordità - LIS - Autorizzato USR Lazio
Apparato uditivo, malattie che provocano la sordità, vari interventi
Cos'è la "sordità
Introduzione alla cultura della comunità sorda (i rumori: "vedere anziché sentire")
Breve storia della LIS
Comparazione lingua italiana e lingua dei segni italiana (es: verbi e sintassi)
Ginnastica manuale
Approccio e comprensione della LIS in forma semplice
Dattilologia ed espressioni facciali e labiali
Nozioni base: forme di saluto, ringraziamenti, conversazioni di luogo comune (es: come stai?) tra conoscenti e non, esempi di dialoghi formali e informali, richieste e domande frequenti (es: hai fame?)
Forme grammaticali della LIS
Esercitazioni pratiche, simulazioni tra i corsisti, dialoghi assistiti
Giochi per la stimolazione visiva e manuale
Descrizione di luoghi, oggetti e persone
Pratica
Lettura brani e riproduzione LIS
Proiezione video e comprensione
Esame finale: test ed esercizi individuali e di gruppo
- Il codice Braille - Autorizzato USR Lazio
Lo sviluppo psichico e motorio del bambino videoleso
Suggerimenti e dimostrazioni di tecniche per avviare il bambino all'autonomia: camminare, orientarsi, i rumori, il tatto
Cenni legislativi e l'inclusione del bambino nella scuola dell'obbligo
Le attività/gioco per privilegiare e consolidare le abilità senso percettive e psicomotorie
Adulti videolesi
Scrittura, lettura e calcolo attraverso il codice Braille: uso ed esercitazioni con la tavoletta
Uso del cubaritmo per il calcolo
Esame finale: test ed esercizi individuali e di gruppo
- Comunicazione, emozioni e comprensione: lezione magistrale - Autorizzato URSL Lazio
- LIS tattile (sistema di comunicazione per sordociechi) - Autorizzato USRL Lazio
Ripasso generale della LIS
Teoria (parte 1): introduzione alla sordocecità; i sistemi di comunicazione usati dalle persone sordocieche; comparazione lingua italiana, lingua dei segni italiana e LIS tattile; causa della minorazione
Approccio, comprensione e produzione della LIS in forma semplice (parte 2): malossi, comunicazione oggettuale, pittografica e gestuale. Dattilologia adattata e compensazioni alle componenti non manuali; accenni alla guida delle persone sordocieche orientamento e mobilità: etica e deontologia; approccio, comprensione e produzione della LIS tattile in forma semplice
Esame finale: test ed esercizi individuali e di gruppo

Tirocinio
L'attività di tirocinio non è obbligatoria e la sede di svolgimento è individuata autonomamente dallo studente.
Il tirocinio, pertanto, può essere svolto a discrezione dello studente sulla base del percorso di studi e di specifici interessi culturali e/o professionali, dopo aver frequentato almeno il 50% delle lezioni.
Attestato
Vengono rilasciati l'Attestato di frequenza e il Certificato di competenza.
Costi
Sono previste agevolazioni, rateizzazioni e 10 borse di studio parziali.
Per ulteriori informazioni o iscrizioni contattare la segreteria tramite il form sottostante oppure ai numeri: 06.5803948 - tel./fax 06.55302868 - 329.9833862 - 329.9833356.

Contatta INPEF: Master in Minorazioni sensoriali e nuove lingue - Roma
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: INPEF: Master in Minorazioni sensoriali e nuove lingue - Roma
MASTER: OPERATORI PER STRUTTURE RESIDENZIALI DI ACCOGLIENZA COMUNITARIE
Master per Operatori e coordinatori di strutture residenziali di accoglienza a carattere comunitario
Durata: 1500 ore

Obiettivi
- Implementare e aggiornare i profili professionali di quanti operano - a vario titolo - nei campi dell'accoglienza, dell'assistenza e del volontariato in comunità di tipo familiare e gruppi di convivenza, strutture a ciclo diurno, strutture per la prima infanzia case-famiglia, case di riposo per anziani, comunità per minori, centri antiviolenza, hospices, centri di accoglienza per stranieri
- Fornire informazioni per interagire con gli interlocutori istituzionali nazionali e locali, al fine di sperimentare modelli organizzativi a misura dei diversi target di destinatari (bambini in affidamento, adolescenti, anziani, persone con disabilità, donne vittime di violenza, minori stranieri non accompagnati, pazienti oncologici e loro familiari, ...)
- Fornire indicazioni normative e conoscenze psico-pedagogiche per l'attivazione e la gestione etica di strutture residenziali comunitarie
- Orientare alla definizione di modelli efficaci di progettazione sociale in rete
- Offrire strategie per l'allestimento di spazi neutri finalizzati al mantenimento o alla ripresa delle relazioni affettive tra i minori collocati in case famiglia e i loro genitori
- Delineare l'articolazione degli interventi di mediazione penale minorile
- Definire le più adeguate modalità di accoglienza e di sostegno a favore dei minori stranieri non accompagnati
- Offrire strumenti di analisi e di riflessione per rilevare gli elementi di criticità nella gestione inadeguata delle strutture residenziali comunitarie di assistenza
Sede didattica
Le lezioni si svolgono a Roma presso le sedi dell'Istituto, distanti tra loro poche centinaia di metri.
Sede di Via dei Papareschi, 11 - Angolo Piazza della Radio (Palazzo Fedeli ex Gruppo Clark).
Sede di Viale di Trastevere, 209.
Durata
Il Master ha una durata complessiva di 1500 ore di formazione comprensive dell'intero carico didattico (lezioni in aula, moduli formativi a distanza con esercitazioni, simulazioni, stesura e discussione dell'elaborato finale).
Metodologia
Lezioni in aula, attività laboratoriali, visite di istruzione, attività di simulazione di interazioni comunicative, lavori in piccoli gruppi.

Programma
- Le norme nazionali e regionali di riferimento per l'apertura e la gestione di strutture comunitarie di accoglienza: criteri e indicatori (norme igieniche e standard di sicurezza, formazione e qualificazione degli operatori)
- Il ruolo di monitoraggio degli enti locali per il controllo del sistema di accoglienza alternativo alla famiglia
- Il lavoro sociale di rete: le sinergie utili
- Le diverse tipologie di comunità di accoglienza
- Le comunità per le adolescenti-madri
- Le case-famiglia per adolescenti con disabilità
- Le comunità di accoglienza ad alto contenimento
- Le case di riposo per gli anziani
- Modelli organizzativi e metodologie di intervento a confronto
- Il Piano Educativo Individualizzato (PEI)
- La tutela del diritto all'assistenza nelle strutture residenziali attraverso l'utilizzo dei sistemi di controllo elettronico
- Gli hospices e le cure del fine vita: l'organizzazione interna delle strutture di accoglienza per i malati oncologici
- La progettazione di interventi di sostegno per i familiari dei pazienti terminali
- Le residenze protette per l'accoglienza delle donne e dei minori vittime di violenza
- L'ascolto del minore sessualmente abusato: i colloqui protetti. Pedofilia e pedopornografia
- Progettazione sociale e Pedagogia interculturale
- Condurre Counseling di gruppo e in comunità
- L'accoglienza per i minori stranieri e italiani per proporre una nuova cultura di fare famiglia
- L'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati in transito
- La Pedagogia familiare: definizione e ambiti di intervento
- L'approccio familiare multidisciplinare coordinato
- Mantenere e riallacciare i rapporti con la famiglia d'origine
- Spazi neutri per incontri protetti tra minori ospitati in casa famiglia e madri e padri sospesi dalle responsabilità genitoriale
- Le interferenze tra tutela e ablazione della funzione parentale
- L'opposizione all'adottabilità
- Il ruolo del curatore speciale dei minori
- Storie di famiglie. L'adozione e l'affidamento raccontati dai protagonisti
- Psicologia dell'età evolutiva
- Psicologia dell'adolescenza
- Psicologia della devianza
- Pedagogia della devianza e della marginalità
- Il sistema della giustizia minorile
- Il ruolo e la formazione degli operatori giuridici e psicosociali nelle strutture di accoglienza per minori autori di reato
- Stato di detenzione e tutela dei diritti umani. L'organizzazione della vita quotidiana in carcere
- Professioni di aiuto e burnout
- Il bilancio delle competenze professionali

Accreditamento
È previsto il rilascio di crediti formativi per Assistenti sociali.
Tirocinio
L'attività di tirocinio non è obbligatoria e la sede di svolgimento è individuata autonomamente dallo studente.
Il tirocinio, pertanto, può essere svolto a discrezione dello studente sulla base del percorso di studi e di specifici interessi culturali e/o professionali, dopo aver frequentato almeno il 50% delle lezioni.
Attestato
Vengono rilasciati l'Attestato di frequenza e il Certificato di competenza.
Costi
Sono previste agevolazioni, rateizzazioni e 10 borse di studio parziali.
Per ulteriori informazioni o iscrizioni contattare la segreteria tramite il form sottostante oppure ai numeri: 06.5803948 - tel./fax 06.55302868 - 329.9833862 - 329.9833356.

Contatta INPEF: Master per Operatori e coordinatori di strutture residenziali di accoglienza a carattere comunitario - Roma
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: INPEF: Master per Operatori e coordinatori di strutture residenziali di accoglienza a carattere comunitario - Roma

INPEF: Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare
Roma: Via dei Papareschi, 11 - 06.5803948
www.pedagogiafamiliare.it