Test di Psicologia: Clinici; Età evolutiva; Selezione del personale... Tutti i Test Psicologici

Test: Problem solving; Capacita' prassica; Agnosia digitale; Disturbi dell'equilibrio; Prassie grafiche - CSPPNI

TEST: PROBLEM SOLVING; CAPACITA' PRASSICA; AGNOSIA DIGITALE; DISTURBI DELL'EQUILIBRIO; PRASSIE GRAFICHE

CSPPNI - Centro Studi di Psicomotricita' Psicologia e Neuropsichiatria Infantile

CSPPNI
Milano: Viale Marche, 93 - tel 02.66804556
www.csppi.it
TEST PSICOLOGICI 2020:
  • Test del Camioncino
    Test di problem solving che richiede competenze di programmazioni spaziali ed una corretta realizzazione prassica
  • Test dei Cubi
    Test per verificare l'evoluzione del processo di acquisizione delle prassie costruttive
  • Test sull'uso selettivo delle dita
    Test che valuta la capacita' di differenziare con facilita' i potenziali comandi delle singole dita e i relativi rapporti nell'uso funzionale
  • Test dell'equilibrio
    Test per evidenziare le difficolta' di mantenimento della postura eretta, attraverso tre modalita'
  • Test per le prassie grafiche MC1, MC2 e MC3
    Test per la valutazione delle prassie visuo-costruttive su modello grafico
  • Test della Scena
    Test per indagare le capacita' di problem solving nell'esame di un compito attraverso l'analisi di una scena
Test del Camioncino - Roberto Carlo Russo

Test del Camioncino

Roberto Carlo Russo
Tipologia: Test di problem solving che richiede competenze di programmazioni spaziali ed una corretta realizzazione prassica
Campione: 1.238 bambini dai 4 agli 11 anni
Professionisti abilitati: Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti
Eta' di utilizzo: Eta' evolutiva: 4-11 anni
Costo: 280 + IVA per i professionisti e 350 + IVA per gli enti
TEST DEL CAMIONCINO: breve recensione del Test Psicologico
di Roberto Carlo Russo
Test per indagare le capacita' di problem solving nella ricostruzione di un camioncino costituito da sei pezzi a incastri possibili in giusta sequenza per realizzare la forma originale.
Il Test del Camioncino richiede le competenze delle regioni prefrontali per la capacita' di analisi, di valutazione e di sintesi logica nella risoluzione di compiti complessi di tipo concreto tridimensionale, e' un problem solving che richiede competenze di programmazioni spaziali in giusta sequenza e corretta realizzazione prassica.
Il test e' molto bene accetto dai bambini che s'impegnano con entusiasmo.
La modalita' elettiva per indagare la funzionalita' prefrontale e' lo studio della risoluzione di problemi.
"Il problem solving comprende una vasta gamma di attivita' cognitive... richiede la modulazione e il controllo di diverse capacita' fondamentali o routinarie.... E' un'attivita' evocata quando intraprendiamo comportamenti nuovi o non abituali che richiedono la riorganizzazione di una serie di capacita' cognitive precostituite o quando dobbiamo modificare le nostre abitudini" (McCarthy e Warrington 1990).
Importante e' tenere distinte le capacita' intellettive (valutate con test d'intelligenza) dall'abilita' del paziente a risolvere problemi.
Il paziente con lesioni ai lobi prefrontali non risulta alterato nella somministrazione dei primi test ma lo e' nei secondi (Hebb, 1945).
Nella soluzione di un problema bisogna pianificare una serie di comportamenti atti a risolvere la situazione e quindi e' necessario avere una capacita' d'analisi dei dati e di adozione di strategie che permettano la formulazione di un piano d'azione; questo implica un'elaborazione anticipatoria, la possibilita' di guardare avanti, organizzando passi successivi o mete intermedie al fine di raggiungere l'obiettivo finale.
Il problem solving puo' impegnare le attivita' pratiche spazio-temporali o quelle rappresentative (definite da Goldstein "condotte astrattive"), come nelle Matrici Progressive (Raven, 1940) o nel Test della Scena (Russo, 2000), oltre a quelle contenute in diversi test intellettivi quali WISC, WECHSLER, WAIS.
Nella risoluzione di problemi che richiedono attivita' pratiche viene richiesta la capacita' di analisi spaziale dei dati, l'organizzazione di una serie di atti motori in giusta sequenza e la realizzazione con valide prassie.
Vengono pertanto richieste capacita' anticipatorie, scelte sequenziali, programmazione adeguata e una capacita' prassica valida.
Il bambino nel corso del secondo anno e negli anni successivi, sperimenta le sue motivazioni con l'azione, valuta i risultati ottenuti e ricerca nuove strategie d'intervento.
Inizia a risolvere concretamente i primi problemi e a migliorare le prassie necessarie a un risultato sempre piu' valido.

Utilizzo
Il test evidenzia la capacita' di analisi degli elementi con le relative caratteristiche morfologiche e la corretta sequenza di assemblaggio, pertanto, oltre alle capacita' di memorizzare i diversi segnali, richiede un processo di analisi selettiva e consequenziale per realizzare il modello.

Modalita'
Il Camioncino viene presentato completo e nella sua progressione costruttiva.
Vengono valutati: il tempo di esecuzione, la sequenza, le correzioni e il risultato finale.
La disponibilita' di 40 punti permette una buona distribuzione del punteggio nelle diverse fasce d'eta'.

Materiale
Stesura completa del test che comprende il Camioncino, lo schema di valutazione, il modulo di raccolta dati, il grafico di centilaggio per le fasce d'eta' dai 4 agli 11 anni.

Campione
Il test e' stato standardizzato su 1.238 bambini dai 4 agli 11 anni.

Professionisti abilitati
Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti

Eta' di utilizzo
Dai 4 agli 11 anni.

Costo
€ 350 + Iva + spese di spedizione - per Enti.
€ 280 + Iva + spese di spedizione - per singoli operatori.

Desidero informazioni per l'acquisto del Test di Psicologia: 'Test del Camioncino'.
Inoltro della richiesta a CSPPNI.
Nome e Cognome:
Indirizzo e-mail:
Richiesta:




Test dei Cubi - Roberto Carlo Russo

Test dei Cubi

Roberto Carlo Russo
Tipologia: Test per verificare l'evoluzione del processo di acquisizione delle prassie costruttive
Campione: 1.100 bambini dai 4 ai 12 anni
Professionisti abilitati: Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti
Eta' di utilizzo: Eta' evolutiva: 4-12 anni
Costo: 280 + IVA per i professionisti e 350 + IVA per gli enti
TEST DEI CUBI: breve recensione del Test Psicologico
di Roberto Carlo Russo
Test per indagare le capacita' prassiche per la costruzione di una serie di modelli tridimensionali.
Il Test dei Cubi nasce dall'esigenza di verificare l'evoluzione del processo di acquisizione delle prassie costruttive a partire dai 4 anni, utilizzando dei cubi di legno per riprodurre una serie di strutture tridimensionali presentate in sequenza come modelli.
Nei primi anni di vita le abilita' del bambino vengono acquisite tramite la sperimentazione concreta con gli oggetti; la capacita' di comprensione dei rapporti spaziali viene appresa in termini concreti tramite il risultato delle azioni.
Solo in seguito con la nascita della rappresentazione grafica il bambino impara a copiare un modello e nel fare questo deve passare dal tridimensionale al bidimensionale, pertanto mettere in atto un adattamento rispetto alle reali condizioni operative.

Utilizzo
Il test evidenzia le difficolta' delle prassie costruttive da modelli.

Modalita'
Vengono proposte singolarmente le 10 prove lasciando libera la scelta della mano, ogni prova viene valutata con un punteggio per prova, il punteggio completo e' di 40 punti.

Materiale
Sequenza dei modelli da presentare precostruiti, 9 cubi per la ripetizione dei modelli, modulo di raccolta dati, scala di valutazione in centili rapportati alle fasce d'eta' dai 4 ai 11 anni.

Campione
Il test e' stato standardizzato su 1.100 bambini dai 4 ai 12 anni.

Professionisti abilitati
Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti

Eta' di utilizzo
Dai 4 ai 12 anni.

Costo
€ 350 + Iva + spese di spedizione - per Enti.
€ 280 + Iva + spese di spedizione - per singoli operatori (Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti).

Desidero informazioni per l'acquisto del Test di Psicologia: 'Test dei Cubi'.
Inoltro della richiesta a CSPPNI.
Nome e Cognome:
Indirizzo e-mail:
Richiesta:




Test sull'uso selettivo delle dita - Roberto Carlo Russo

Test sull'uso selettivo delle dita

Roberto Carlo Russo
Tipologia: Test che valuta la capacita' di differenziare con facilita' i potenziali comandi delle singole dita e i relativi rapporti nell'uso funzionale
Campione: 2.400 bambini dai 4 ai 12 anni
Professionisti abilitati: Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti
Eta' di utilizzo: Eta' evolutiva: 4-12 anni
Costo: 200 + IVA per i professionisti e 250 + IVA per gli enti
TEST SULL'USO SELETTIVO DELLE DITA: breve recensione del Test Psicologico
di Roberto Carlo Russo
Il test richiede la conoscenza digitale intesa come capacita' di differenziare con facilita' i potenziali comandi delle singole dita e i relativi rapporti nell'uso funzionale.
E' un test importante d'interesse diagnostico in tutti i casi in cui si evidenzia una difficolta' di uso digitale.
Fondamentale per evidenziare le progressioni evolutive durante il processo riabilitativo.
Molto significativo nelle disgrafie.
Condizione essenziale per poter usufruire delle abilita' motorie delle dita e' la conoscenza delle medesime.
Le ricerche sulle gnosie digitali presero il via all'inizio del 1900, con l'interesse centrato sullo studio delle relative patologie.
Diversi autori hanno indagato le gnosie digitali intese come capacita' di riconoscere, nominare e indicare le dita delle mani toccate o indicate su un modello (Gerstmann, Benton, Kinsbourne e Warrington, Etilinger, Galifret Granjon e Santucci) per comprendere se l'agnosia digitale fosse sostenuta dalla mancata capacita' di differenziare il singolo dito rispetto agli altri o da un problema di organizzazione spaziale consistente nell'incapacita' di rapportare le parti a un tutto.
L'obiettivo del test e' quello di evidenziare l'evoluzione delle capacita' d'uso selettivo delle dita, tramite 12 prove messe a punto da Russo atte a identificare le prove piu' significative in senso evolutivo.
L'applicazione del test e' molto utile come strumento di verifica in situazioni organiche e in particolare per l'approfondimento nelle forme disprassiche di competenza manuale.
La possibilita' di evidenziare specifiche carenze permette di centrare meglio l'intervento riabilitativo.

Utilizzo
Il test evidenzia le difficolta' d'uso selettivo delle dita di riscontro costante nelle disprassie degli arti superiori e in particolare nei disturbi della grafia.

Modalita'
Vengono proposte singolarmente le 12 prove sia con la destra che con la sinistra, ogni prova viene valutata da 0 a 3 punti, il punteggio completo e' di 72 punti.

Materiale
Manuale del test, modello delle prove, modulo di raccolta dati, grafico di centilaggio per le fasce d'eta' dai 4 ai 12 anni, DVD per la valutazione delle prove.

Campione
Il test e' stato standardizzato su 2.400 bambini dai 4 ai 12 anni.

Professionisti abilitati
Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti

Eta' di utilizzo
Dai 4 ai 12 anni.

Costo
€ 250 + Iva + spese di spedizione - per Enti.
€ 200 + Iva + spese di spedizione - per singoli operatori (Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti).

Per ulteriori informazioni scaricare la brochure del test: Test sull'uso selettivo delle dita (PDF).

Desidero informazioni per l'acquisto del Test di Psicologia: 'Test sull'uso selettivo delle dita'.
Inoltro della richiesta a CSPPNI.
Nome e Cognome:
Indirizzo e-mail:
Richiesta:




Test dell'equilibrio - Roberto Carlo Russo

Test dell'equilibrio

Roberto Carlo Russo
Tipologia: Test per evidenziare le difficolta' di mantenimento della postura eretta, attraverso tre modalita'
Campione: 2.546 bambini dai 3 agli 11 anni
Professionisti abilitati: Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti
Eta' di utilizzo: Dai 3 anni fino all'eta' adulta
Costo: 200 + IVA per i professionisti e 250 + IVA per gli enti
TEST DELL'EQUILIBRIO: breve recensione del Test Psicologico
di Roberto Carlo Russo
Test per indagare l'equilibrio statico in tre diverse posture.
Il test indaga l'equilibrio statico, piu' sensibile e piu' valutabile rispetto a quello dinamico.
Le prove sono state scelte in considerazione delle attivita' comuni nel bambino, in modo da essere piu' consone alla realta' infantile: stare a piedi uniti, con un piede davanti all'altro e su un piede solo, sia a occhi aperti che a occhi chiusi.
Le due variabili aiutano a capire quanto incida la possibilita' di un riferimento visivo rispetto alle competenze gravitarie basate solo sulle informazioni muscolari e articolari.
Il punteggio delle prove e' stato definito solo sulla base della frequenza degli errori dei bambini.
Il coordinamento dei muscoli competenti per l'equilibrio non puo' essere considerato la combinazione integrata di una serie di riflessi locali, ma un complesso processo di anticipazione e di simulazione interna, essenziale per dare risposte immediate a sbilanciamenti improvvisi (Berthoz, 1997).
Questi processi vengono appresi tramite le esperienze; la percezione delle informazioni tattili e pressorie delle piante dei piedi, la regolazione dei muscoli assiali, la posizione del capo rispetto all'asse somatico, costituiscono i dati principali per il controllo della stazione antigravitaria, ma anche la percezione visiva ha un ruolo importante nel correlare la propria posizione alla situazione ambientale.
L'informazione visiva e' importante per l'acquisizione delle competenze antigravitarie in particolare nei primi due-tre anni di vita (Amorim, Berthoz e altri, 1997).
Il bambino nel corso del secondo anno di vita inizia a spostarsi in stazione eretta e impara a compensare gli inevitabili sbilanciamenti che gli si presentano nell'attivita' quotidiana; reagisce allo sbilanciamento realizzando meccanismi di compenso, acquisendo autonomia e fiducia nelle proprie potenzialita' di azione nel'ambiente.
Nei bambini con disturbi dell'equilibrio la fiducia del Se' risulta sempre compromessa nelle attivita' motorie, sia per le facili cadute che frequentemente si verificano, sia per le maggiori difficolta' di coordinamento nel passaggio da schemi motori semplici a quelli piu' complessi; questo determina nel tempo la presa di coscienza di possedere capacita' inferiori rispetto ai compagni, inducendo spesso atteggiamenti di sudditanza o di evitamento rispetto ai coetanei specie nei confronti di quelli iperattivi.
L'ambiente familiare tende a iperproteggere questi bambini o a svalutarli, aggravando cosi' la sfiducia del Se'.
Escludendo le gravi forme atassiche facilmente diagnosticabili, capita con una relativa frequenza il riscontro di modeste carenze dell'equilibrio in bambini che strutturano una scarsa fiducia del Se'.
Le difficolta' di questi soggetti possono essere facilmente evidenziate con il Test dell'equilibrio.

Utilizzo
Il test evidenzia le difficolta' di mantenimento della postura eretta in tre modalita' e ciascuna a occhi aperti e chiusi.

Modalita'
Viene richiesto il mantenimento della postura eretta con tre modalita': a piedi uniti a occhi aperti e chiusi, con un piede davanti all'altro a occhi aperti e chiusi, su un piede solo a occhi aperti e chiusi.
Vengono valutati: il tempo, le oscillazioni, gli adattamenti del tronco e gli adattamenti degli arti superiori.
La disponibilita' di 90 punti permette una buona distribuzione del punteggio nelle diverse fasce d'eta'.

Materiale
Stesura completa del test che comprende, modello per le oscillazioni, schema di valutazione, modulo di raccolta dati, grafico di centilaggio per le fasce d'eta' dai 3 agli 11 anni.
DVD per l'applicazione e la valutazione.

Campione
Il test e' stato standardizzato su 2.546 bambini dai 3 agli 11 anni.

Professionisti abilitati
Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti

Eta' di utilizzo
Dai 3 anni all'adulto.

Costo
€ 250 + Iva + spese di spedizione - per Enti.
€ 200 + Iva + spese di spedizione - per singoli operatori (Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti).

Desidero informazioni per l'acquisto del Test di Psicologia: 'Test dell'equilibrio'.
Inoltro della richiesta a CSPPNI.
Nome e Cognome:
Indirizzo e-mail:
Richiesta:




Test per le prassie grafiche MC1, MC2 e MC3 - Roberto Carlo Russo

Test per le prassie grafiche MC1, MC2 e MC3

Roberto Carlo Russo
Tipologia: Test per la valutazione delle prassie visuo-costruttive su modello grafico
Campione: Complessivamente 5.800 individui, dai 3 anni in su
Professionisti abilitati: Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti
Eta' di utilizzo: Dai 3 anni fino all'eta' adulta
Costo: 240 + IVA per i professionisti e 300 + IVA per gli enti
TEST PER LE PRASSIE GRAFICHE MC1, MC2 E MC3: breve recensione del Test Psicologico
di Roberto Carlo Russo
I test analizzano le capacita' di comprensione-esecuzione di figure geometriche semplici.
In clinica sono utilizzati per l'infanzia vari test per valutare le prassie visuo-costruttive su modello grafico e quelli piu' noti sono: la figura B di Rey, il test della Bender, le prove della Santucci.
In considerazione della difficolta' presentata per questi test a partire dalla fascia 4-5 anni e successive, sono stati approntati i test MC1, MC2 e MC3.
Per realizzare le prove grafiche su modello e' necessario un'adeguata analisi percettiva visiva, la comprensione dei rapporti spaziali del modello, la programmazione e l'esecuzione grafica.
Per la capacita' di rappresentazione grafica e' indispensabile la conquista della funzione simbolica che permette l'analisi dei significanti (caratteristiche) spaziali degli elementi che costituiscono il modello e il relativo significato rappresentato.
La rappresentazione grafica infantile inizia con intuizioni topologiche elementari quali la vicinanza, la separazione, l'inclusione, l'esclusione, la continuita'; solo verso i 5 anni (a volte anche prima) si evidenzia l'uso dei rapporti euclidei piu' semplici (quadrato, triangolo), dopo i 6 anni quelli piu' complessi (rombo, figure geometriche irregolari) e la capacita' di differenziare le singole forme variamente sovrapposte e verso i 9 anni i rapporti proiettivi.

Test MC1
Le tre prove indagano i rapporti topologici: inclusione, parziale sovrapposizione, esclusione e le competenze di controllo grafico.

Utilizzo
Il test evidenzia la capacita' della corretta esecuzione grafica dei modelli che richiedono l'analisi dei rapporti topologici.

Modalita'
E' proposta l'esecuzione diretta sul foglio richiedendo al bambino di eseguire la copia sotto a ogni singola figura.
La disponibilita' del punteggio e' di 21.

Materiale
Stesura completa del test che comprende il modello MC1, lo schema di valutazione, il grafico di centilaggio per le fasce d'eta' dagli 4 agli 8 anni e una serie di esempi di valutazione.

Campione
Il test e' stato standardizzato su 500 bambini dai 3 agli 8 anni.

Professionisti abilitati
Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti

Eta' di utilizzo
Dai 4 ai 6 anni.


Test MC2
Sono state scelte tre figure semplici (cerchio, quadrato e triangolo) per rinforzo valutativo delle competenze, mentre le altre due figure, rappresentando le maggiori difficolta' di analisi valutativa ed esecutiva, sono quelle che incidono maggiormente sul punteggio globale.
Per realizzare le prove grafiche su modello e' necessario un'adeguata analisi percettiva visiva, la comprensione dei rapporti tra segmenti e angoli nelle rispettive figure del modello, la programmazione e l'esecuzione grafica.

Utilizzo
Il test evidenzia la capacita' della corretta esecuzione grafica dei modelli che richiedono l'analisi dei rapporti euclidei delle singole figure geometriche.

Modalita'
E' proposta l'esecuzione diretta sul foglio richiedendo al bambino di eseguire la copia sotto a ogni singola figura.
La disponibilita' di 32 punti permette una buona distribuzione del punteggio nelle diverse fasce d'eta'.

Materiale
Stesura completa del test che comprende il modello MC2, lo schema di valutazione, le griglie di valutazione, il grafico di centilaggio per le fasce d'eta' dagli 6 ai 13 anni e una serie di esempi di valutazione.

Campione
Il test e' stato standardizzato su 2.700 bambini dai 5 ai 13 anni.

Professionisti abilitati
Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti

Eta' di utilizzo
Dai 6 ai 13 anni.


Test MC3
Questo modello e' costituito da sei elementi parzialmente sovrapposti con uno specifico rapporto spaziale.
Il modello MC3 affronta la comprensione e la capacita' esecutiva dei rapporti euclidei, il riconoscimento delle diverse figure parzialmente sovrapposte, il loro orientamento, la reciproca disposizione e i punti di contatto.

Utilizzo
Il test evidenzia la capacita' della corretta esecuzione grafica dei modelli che richiedono l'analisi dei rapporti euclidei delle singole figure geometriche.

Modalita'
Viene proposta l'esecuzione diretta sul foglio richiedendo al bambino di eseguire la copia sotto il modello eseguendo prima il cerchio, poi la linea verticale, poi il triangolo e a completamento il rettangolo e le due secanti.
La disponibilita' di 31 punti permette una buona distribuzione del punteggio nelle diverse fasce d'eta'.

Materiale
Stesura completa dei test MC2 e MC3, lo Schema di valutazione, le griglie di valutazione, il grafico di centilaggio per le fasce d'eta' dagli 8 ai 14 anni e per l'adulto e una serie di esempi di valutazione.

Campione
Il test e' stato standardizzato su 2.600 bambini dai 5 ai 14 anni e per l'adulto.

Professionisti abilitati
Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti

Eta' di utilizzo
Dagli 8 anni all'adulto.

Costo complessivo per MC1, MC2 e MC3
€ 300 + Iva + spese di spedizione - per Enti.
€ 240 + Iva + spese di spedizione - per singoli operatori (Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti).

Desidero informazioni per l'acquisto del Test di Psicologia: 'Test per le prassie grafiche MC1, MC2 e MC3'.
Inoltro della richiesta a CSPPNI.
Nome e Cognome:
Indirizzo e-mail:
Richiesta:




Test della Scena - Roberto Carlo Russo

Test della Scena

Roberto Carlo Russo
Tipologia: Test per indagare le capacita' di problem solving nell'esame di un compito attraverso l'analisi di una scena
Campione: 1.500 bambini dai 7 agli 12 anni
Professionisti abilitati: Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti
Eta' di utilizzo: Eta' evolutiva: 7-12 anni
Costo: 200 + IVA per i professionisti e 250 + IVA per gli enti
TEST DELLA SCENA: breve recensione del Test Psicologico
di Roberto Carlo Russo
Test per indagare le capacita' di problem solving nell'esame di un compito proposto tramite l'analisi di una scena.
Il test richiede le competenze delle regioni prefrontali per la capacita' di analisi, di valutazione e di sintesi logica nella risoluzione di compiti complessi di tipo rappresentato.
E' un problem solving che richiede competenze di analisi dei dati piu' significativi per la comprensione del significato della scena rappresentata.
Il test e' molto bene accetto dai bambini che s'impegnano con entusiasmo.
Gli studi sull'evoluzione della funzionalita' frontale hanno privilegiato l'adulto per la maggiore facilita' d'indagine; per contro nel bambino le conoscenze sull'evoluzione frontale, alcune di difficile valutazione per l'attendibilita' delle risposte o per la scarsa standardizzazione, richiedono ulteriori indagini e in particolare differenziazioni nelle diverse eta' infantili.
Una serie di lavori hanno confermato che la maturazione della corteccia prefrontale dorso-laterale e le abilita' che essa fornisce, vengono pienamente raggiunte prima del 12° anno d'eta'.
Inoltre la piena maturita' della corteccia non viene raggiunta fino alla puberta'.
Infatti i bambini non riescono a raggiungere il livello degli adulti nel Wisconsin Card Sorting Test fino a circa i 10 anni d'eta'.
Secondo una serie di studi effettuati da Diamond (1990), lo sviluppo del circuito neuronale frontale inizia dai 7-8 mesi.
Diamond ritiene che l'abilita' della memoria, situata presso la corteccia prefrontale dorso-laterale, e' caratterizzata da una memoria delle informazioni spaziali e dell'orientamento temporale.
Per le funzioni percettivo-motorie le aree prefrontali pianificano le attivita' delle altre aree frontali e sensoriali e delle strutture sottocorticali in funzione del fine che il soggetto si propone.
Da studi su pazienti con sindrome prefrontale si e' potuto affermare l'importanza del ruolo di queste aree per le funzioni mnesiche.
Le alterazioni in pazienti non sono nei processi di consolidamento della traccia mnesica e quindi di apprendimento (amnesia anterograda), ma riguardano la difficolta' a utilizzare strategie di rievocazione ovvero strategie di ricerca della traccia mnesica.
Quindi la memoria associata ai lobi prefrontali e' una memoria di tipo operativo.
Secondo McCarthy e Warrington (1992) nella capacita' d'astrazione vengono chiamate in causa le inferenze di ordine superiore che permettono di estrarre le informazioni necessarie per la soluzione di problemi, andando oltre le proprieta' fisiche e concrete di una certa realta'.
La capacita' d'astrazione e' una delle caratteristiche fondamentali del problem solving.

Utilizzo
Il test evidenzia la capacita' di analisi degli elementi piu' significativi per comprendere il significato della scena, pertanto, oltre alle capacita' di memorizzare i diversi segnali, richiede un processo di analisi selettiva ed elettiva degli elementi caratterizzanti per comprendere l'evento rappresentato.

Modalita'
Dopo l'osservazione della scena per un minuto, viene proposto un modulo che riporta 28 parole tra le quali solo 14 rappresentano elementi dell'immagine rappresentata.
Un secondo modulo riporta alcune parole atte a identificare il significato della scena.
Il punteggio e' di 14 per identificazione delle parole significative per gli elementi rappresentati e di 14 per gli elementi riconosciuti non presenti nelle scena; il rapporto tra i due gruppi mette in evidenza le capacita' di analisi selettiva degli elementi piu' significativi e l'eventuale atteggiamento superficiale o casuale.
Una seconda scheda richiede l'identificazione delle parole che identificano il significato generale della scena; questa scheda dispone di 12 punti in positivo e 12 in negativo.
Il punteggio completo e' di 40 punti.

Materiale
Stesura completa del test che comprende l'immagine della scena, il modulo di raccolta dati, la griglia di valutazione, il grafico di centilaggio per le fasce d'eta' dai 7 ai 12 anni.

Campione
Il test e' stato standardizzato su 1.500 bambini dai 7 ai 12 anni.

Professionisti abilitati
Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti

Eta' di utilizzo
Dai 7 ai 12 anni.
Viene richiesta la capacita' di lettura delle parole riportate sul modulo.
Puo' essere applicato anche dai 6 anni, ma in tal caso le parole vanno lette dall'esaminatore.

Costo
€ 250 + Iva + spese di spedizione - per Enti.
€ 200 + Iva + spese di spedizione - per singoli operatori (Neuropsichiatri infantili, Psicologi, Terapisti).

Desidero informazioni per l'acquisto del Test di Psicologia: 'Test della Scena'.
Inoltro della richiesta a CSPPNI.
Nome e Cognome:
Indirizzo e-mail:
Richiesta: