Scuole e Corsi - Psicologia - Psicoterapia - Comunicazione, Marketing e Risorse Umane

IIFAB - Istituto Italiano di Formazione in Analisi Bioenergetica

I.I.F.A.B.
Istituto Italiano di Formazione in Analisi Bioenergetica

DIREZIONE
Roma: Viale delle Cave Ardeatine, 37 - 06.5741595
www.iifab.org

Intervista a Giuseppe Carzedda: Analisi Bioenergetica - Concetto di grounding - Lato corporeo del paziente
di Redazione


Dott. GIUSEPPE CARZEDDA
Direttore dell'IIFAB (Istituto Italiano di Formazione in Analisi Bioenergetica).
Trainer e Supervisore per l'Italia in Analisi Bioenergetica dell'I.I.B.A.- International Institute for Bioenergetic Analysis.

Intervista a Giuseppe Carzedda

1) Dott. Carzedda, ci potrebbe raccontare le motivazioni che l'hanno avvicinato all'Analisi Bioenergetica, rispetto ad altri approcci piu' "tradizionalisti"?
Come spesso accade nella vita i fattori legati al caso hanno giocato un ruolo importante.
Venni infatti in contatto con l'Analisi Bioenergetica alla fine degli anni 70 quando ancora frequentavo l'universita' e mi occupavo di ricerca sperimentale nell'area della psicologia cognitiva:
a quei tempi ero combattuto tra il desiderio di seguitare a fare ricerca (che tra l'altro seguito ancora oggi a considerare la mia seconda, oramai trascurata, anima) e quello di investire nella direzione di una formazione clinica.

Partecipavo infatti a numerosi workshop e seminari basati sui diversi approcci psicoterapici proprio per cercare di capire meglio quelli che erano i miei reali interessi.
In questo mio peregrinare mi iscrissi, devo dire con molto scetticismo e per puro desiderio di conoscenza, ad un workshop teorico-esperenziale di Analisi Bioenergetica, approccio del quale non sapevo assolutamente nulla se non che era un metodo di derivazione psicoanalitica ideato da Alexander Lowen che prevedeva anche l'uso del corpo in psicoterapia.

Questa esperienza mi colpi' inaspettatamente per uno specifico motivo:
per il fatto che sperimentai direttamente su di me come il lavoro corporeo, combinato con il lavoro analitico-verbale, consentisse un accesso efficace e diretto ai nuclei emotivi profondi permettendo, con una efficacia senza pari, il superamento delle barriere che venivano poste dalle mie resistenze.
In altre parole mi resi conto che se fino ad allora in tutte le esperienze che avevo fatto ero riuscito abbastanza agevolmente a sfuggire al confronto con alcune parti di me, nel momento in cui entrava in gioco anche il lavoro con il corpo tale fuga era pressoche' impossibile.
Per dirla con il linguaggio e le conoscenze di oggi, avevo capito che la conoscenza esplicita che derivava dalla comunicazione verbale e narrativa era ben poca cosa rispetto alla conoscenza implicita legata al corpo, alle sue posture, ai suoi movimenti e alle sue espressioni in genere.

Fu per questo che mi convinsi ad intraprendere un percorso di formazione basato su questo metodo parallelamente ad una analisi personale, percorso della cui validita' sono oggi ancora piu' convinto anche sull'onda della scoperta, o riscoperta, del corpo da parte di tutti gli altri approcci.
In proposito voglio sottolineare come l'Analisi Bioenergetica possieda in questo campo un patrimonio unico nel suo genere accumulato nei circa 50 anni che intercorrono dalla sua nascita ad oggi, patrimonio fatto non solo di conoscenze teoriche ma anche di esperienze empiriche derivanti dal concreto lavoro con il corpo nella stanza della terapia.

Questo credo lo abbiano capito gia' molti colleghi in quanto sempre piu' frequentemente ai nostri corsi si iscrivono psicoterapeuti di altra formazione desiderosi di inserire parti di lavoro corporeo in setting originariamente concepiti come esclusivamente verbali.
Personalmente ritengo infatti che il futuro della psicoterapia, al di la' dell'annosa e il piu' delle volte inutile diatriba tra epistemologie che vogliono affermare la propria primogenitura, sia quello che attiene alla relazione terapeutica e alla dimensione corporea come fattore fondamentale della relazione stessa.
2) Il concetto di "grounding", sembra assumere molta importanza nell'Analisi Bioenergetica, puo' spiegarci brevemente di cosa si tratta?
In effetti e' un concetto molto importante che Alexander Lowen ha sviluppato anche partendo dall'osservazione di come la condizione psicologica di un individuo sia strettamente correlata alla condizione di appoggio fisico del suo corpo per terra e alla percezione che egli ne ha.
In una accezione per cosi' dire piu' specifica esso si riferisce al radicamento a terra della persona, al suo sentirsi stabile e in un solido equilibrio mentre si trova nella postura eretta, a quello che possiamo anche definire l'atto di verticalita' e il rapporto del corpo con gli equilibri e le tensioni gravitazionali:
in proposito voglio ricordare come Lowen sia stato il primo analista ad utilizzare, come alternativa alla posizione distesa, di significato implicitamente piu' regressivo, e a quella seduta, anche la postura eretta in terapia.
Nel nostro metodo infatti la scelta di come far lavorare il paziente (disteso, seduto o in piedi) ha precisi significati in relazione agli obiettivi che ci prefiggiamo di raggiungere in una specifica fase dell'analisi.

Comunque, ritornando al concetto di grounding, esso possiede anche un significato e un valore piu' generale che si puo' dire hanno molto a che fare con quello di "base sicura" sviluppato nella teoria dell'attaccamento:
in questo senso esso e' strettamente connesso con quello di sostegno, o meglio di autosostegno, in quanto uno degli scopi primari della psicoterapia analitico-bioenergetica e' proprio quello di aiutare il paziente a costruire una "base sicura interna" , un radicamento interno, attraverso un processo di integrazione tra le diverse parti del Se'.

Per perseguire tale obiettivo vengono utilizzati una serie di lavori che coinvolgono direttamente il corpo tra cui, particolarmente importanti, quelli finalizzati a far sperimentare alla persona come "sta sui suoi piedi" e "come respira".
Nell'esercizio piu' classico del grounding la persona viene infatti invitata a stare in piedi con le ginocchia leggermente flesse e a concentrare la sua attenzione sull'appoggio per terra e alle sensazioni che le giungono dai piedi e dalle gambe in particolare, prestando nel contempo attenzione alla sua respirazione.
E' interessante osservare come spesso le reazioni che all'inizio accompagnano questa esperienza sono di sorpresa, di scetticismo, di derisione, di disconferma, di incredulita', di delusione.
Queste reazioni mettono in evidenza quanto sia grande a volte il distacco dal corpo nelle sue funzioni piu' elementari.

Quella che ad un primo impatto potrebbe sembrare un'esperienza banale diviene percio' gradualmente, attraverso un processo di autopercezione, un'esperienza fondamentale in grado di modificare la percezione del proprio schema corporeo e di far entrare la persona in contatto con numerose sensazioni:
di instabilita', di fragilita', di rigidita', di freddo, di dolore, ma anche di solidita', di sicurezza, di autosostegno come dicevo prima, di calore e di piacere, sensazioni che riportano alle antiche esperienze tonico-emotive, collegate tra loro attraverso la postura.
Il concetto quindi si sviluppa ed evolve da semplice esercizio per sentire il corpo a modalita' per entrare in contatto con emozioni e sentimenti, a processo per abbandonarsi alla dimensione corporea e contattare cio' che e' impresso nei tessuti piu' profondi della nostra unita' psicocorporea aprendo cosi' la strada al processo di cambiamento.

Da sottolineare infine come tale processo si possa realizzare solo attraverso la costruzione graduale di un rapporto di fiducia in se stessi e nel terapeuta:
se infatti questo e' vero in qualunque terapia, a prescindere dallo specifico metodo di riferimento, e' altrettanto vero che quando si lavora con il corpo, proprio per la delicatezza e la profondita' delle aree che vengono contattate, questo aspetto riveste una importanza cruciale.
3) Il lato corporeo del paziente, e' sempre da considerarsi parte integrante in una terapia, o vi sono disturbi che non necessitano dell'analisi della corporeita', ma solo della psiche?
Si', il corpo e' sempre parte integrante in una terapia e tuttavia sono necessarie delle precisazioni che aiutino a comprendere cosa questo significhi.
Nel nostro metodo che ha le sue radici nel principio reichiano, poi mutuato da Lowen, di identita' funzionale tra psiche e soma il linguaggio corporeo e' espressione dei contenuti psichici dell'individuo quanto il linguaggio verbale.

Sulla base della nostra esperienza clinica e sostenuti dalle ricerche dell'Infant Research possiamo affermare che nei primi anni di vita la corporeita' gioca un ruolo fondamentale:
il bambino puo' cominciare ad utilizzare un registro rappresentazionale intorno ai due anni; prima che sia accessibile la rappresentazione il mondo viene incontrato attraverso modalita' sensoriali ed emozionali e la memoria di questi scambi e' una memoria corporea; la relazione e' fatta di sguardi, posture, intonazioni della voce, contatto fisico.

Quando lavoriamo su problematiche arcaiche che hanno avuto origine nel passato pre-verbale sono soprattutto queste le modalita' relazionali che fanno la terapia.
Tuttavia anche quando ci troviamo di fronte a tematiche meno arcaiche cerchiamo di connettere le parole al corpo (di radicare le parole nel corpo) in uno sforzo di integrazione di cognizioni, rappresentazioni, emozioni, sensazioni.
4) Quali sono i riferimenti teorici piu' recenti che ritenete importanti per descrivere lo stato attuale del vostro modello?
Lowen ha sviluppato, organizzato e ampliato tutta la complessa struttura dell'Analisi del Carattere in una tipologia accurata che analizza, approfondisce e segue nella loro evoluzione, il formarsi delle varie strutture caratteriali intese come modalita' tipiche di interazione che riflettono la storia evolutiva di ciascun individuo ed esprimono le strategie e le soluzioni che vengono adottate per adattarsi e relazionarsi al proprio ambiente di vita.
Il carattere esprime quindi, a livello psichico e corporeo, i modi in cui la persona soddisfa i propri bisogni e le difese che erige nei confronti di essi.
Tutto cio' coinvolge chiaramente l'evoluzione dell'individuo inserito in un mondo relazionale che interviene dando un'impronta sull'organizzazione della personalita'.

Considerare l'organizzazione caratteriale una modalita' di funzionamento della persona, porta naturalmente a rileggere ed integrare i contributi psicanalitici classici alla luce dei nuovi modelli relazionali, della teoria dell'attaccamento e dei recenti contributi della ricerca sullo sviluppo infantile i quali hanno avvalorato quella che potremmo definire una "intuizione inconsapevole" di Reich che, focalizzandosi su "come" nel qui e ora la persona metteva in atto le proprie difese caratteriali, realizzava un confronto e un incontro tra due persone vive e reali, preannunciando l'importanza della relazione terapeutica e il fattore di cura insito in essa.
5) Cosa si sente di consigliare ad uno Psicologo che voglia specializzarsi in Analisi Bioenergetica?
La prima cosa che gli consiglierei, basandomi anche sulla mia personale esperienza che ho ricordato all'inizio, e' di sperimentare su di se quanto direttamente ed efficacemente un lavoro analitico-corporeo possa toccare nuclei molto profondi:
questo aspetto se da un lato puo' infatti rappresentare un forte elemento motivazionale dall'altro puo', proprio per lo stesso motivo, spaventare e risultare troppo impegnativo mettendo cosi' continuamente in crisi una motivazione apparentemente ben radicata.

Lavorare anche con il corpo in psicoterapia e' infatti un compito particolarmente delicato che implica un coinvolgimento potenzialmente molto forte non solo nel paziente ma anche nel terapeuta.
E' percio' essenziale che chi decide di iniziare questo percorso sia ben consapevole che la formazione riguarda non solo l'acquisizione di una notevole quantita' di conoscenze teoriche e competenze tecniche legate alla complessita' del modello (il sapere e il saper fare) ma anche un notevole impegno nella direzione del saper essere all'interno della relazione.

E' per questo che noi richiediamo ai nostri allievi una notevole disponibilita' nel mettersi in discussione accettando di lavorare su se stessi e sulle proprie dimensioni piu' irrigidite e fragili, sui propri punti deboli e sulle proprie lacune.
Non e' infatti pensabile lavorare con il metodo dell'Analisi Bioenergetica senza confrontarsi con le proprie emozioni e con quelle del paziente, ed essere quindi anche in grado di gestire le potenti dinamiche transferali e controtransferali che possono instaurarsi all'interno della relazione terapeutica.

C'e' infine un altro consiglio che mi sentirei di dare a tutti coloro che vogliono intraprendere questa professione:
quello di interrogarsi approfonditamente sulle motivazioni che sono alla base della loro scelta.
Frequentemente, infatti, questa e' sostenuta dal desiderio cosciente di volersi prendere cura degli altri mentre in realta' la vera motivazione, profonda e inconsapevole, e' quella di voler curare se stessi o parti del proprio Se' ferite e incompiute.
In questo senso considero l'analisi personale un fondamentale momento formativo e di verifica, anche perche' va presa in seria considerazione l'eventualita' che una volta che ci si e' presi cura di se' stessi decada, o comunque venga piu' o meno ridimensionata, una delle motivazioni principali che all'origine avevano determinato la scelta stessa.

Intervista realizzata dalla
Redazione del Centro HT


IIFAB: Istituto Italiano di Formazione in Analisi Bioenergetica
Roma - Viale delle Cave Ardeatine, 37 - 06.5741595
www.iifab.org