Scuole e Corsi - Psicologia - Psicoterapia - Comunicazione, Marketing e Risorse Umane

Nuove Artiterapie: La Mediazione Artistica nella Relazione d'Aiuto - Roma

Nuove Artiterapie
La Mediazione Artistica nella Relazione d'Aiuto

DIREZIONE
Roma: Via Costantino Morin, 24 - tel/fax 06.3725626
www.nuoveartiterapie.net

Di luci e di ombre: un'applicazione di foto videoterapia
di Oliviero Rossi


Oliviero Rossi
Psicologo, Psicoterapeuta, Direttore del Master di I livello in videofoto-teatro terapia presso l'Universita' Pontificia Antonianum, Fac. Di Filosofia, Roma.


Questo lavoro presenta una possibile applicazione dell'arteterapia in una seduta di gruppo. In particolare, qui vengono usati una telecamera e alcune foto personali dei partecipanti.
L'intervento, in questo caso, e' prevalentemente didattico, ovvero, tende ad illustrare alcune delle fasi del processo videoterapeutico e a suggerire spunti di lavoro.
La "tesi di esistenza" e' l'atto cognitivo con il quale prendiamo in considerazione che l'immagine di una foto si riferisce a qualcosa di esistente o esistito: se c'e' una foto, qualcosa deve averla prodotta.
In fotografia, si puo' dire che la foto e' prodotta a partire dalla luce riflessa dal soggetto, ma qui la luce riflessa dal soggetto diventa il modo in cui la persona che osserva la foto illumina quella situazione. In questo caso, la "tesi di esistenza" e' vista in senso fenomenologico: e' il mio punto di vista che mi permette di considerare esistente quello che vedo, e di relazionarmi con esso a partire dalla mia percezione.
E' il cliente ad offrire il proprio "gioco di luci", illuminando la scena nel modo in cui ha bisogno di poterla vedere. Lavoriamo su quello che e' in luce nella sua esistenza soprattutto per poter contattare quello che e' in ombra, ovvero, per poter dare voce a quello che sembra rimanere "fuori fuoco" in un gioco dialettico fra figura e sfondo.
Nel caso presentato e' stato possibile lavorare utilizzando delle foto non riguardanti la storia personale del cliente. Ogni fotografia ospita piu' di quello che si vede: l'inquadratura seleziona una parte di mondo, che non esclude il mondo piu' ampio "sottinteso" nella fotografia. Lavoriamo sul "sapere trasversale", ovvero il contesto emotivo e cognitivo con il quale costruiamo il senso della fotografia e la inseriamo nel mondo piu' ampio di cui e' una inquadratura.
Questo mondo piu' ampio che esce dai limiti dell'inquadratura fotografica non e' detto che corrisponda necessariamente a quello reale, ma e' quello ricostruito, ricordato, immaginato o inventato, sollecitato da quello che la fotografia evoca.
Lavoriamo, quindi, su cio' che non si vede nella fotografia ma che sappiamo della realta'.
L'insieme delle foto portate da tutti i partecipanti, creano una biografia artificiale che ciascuno dei partecipanti puo' indossare. La "storia di vita di Jaqueline" "nasce" dalla lettura dell'insieme delle foto: puo' sembrare paradossale ma non e' necessario, per il presente lavoro, che ci sia una corrispondenza tra il nome e la persona che indossa quel nome.
T.: Allora, J. con barba e baffi, avvicinati alla storia della tua vita (sono le foto di tutti i partecipanti al gruppo).


Prima di tutto e' importante notare come la persona si avvicina alle fotografie e sembra che, in questo caso, gran parte delle fotografie siano rivolte al contrario rispetto a come la persona vi si e' posta davanti. Puo' essere importante anche prendere in considerazione il rapporto di lontananza e vicinanza tra la persona e le fotografie a cui si e' avvicinato.
T.: J. quale e' la foto piu' vicina a te?
J.: questa
T.: sembra J. senza baffi (la fotografia ritrae il padre di J., e' l'unica fotografia realmente appartenente alla persona che sta dando vita a "Jaqueline")
J.: ci assomiglio
T.: guarda le altre fotografie...
J.: posso... girarle...
T.: per ora muoviti tu intorno alle fotografie e vai a visitarle come se fossero un luogo da esplorare...
E' necessario per J. entrare in contatto e permettersi una risonanza emotiva con quelle fotografie in modo da poter operare un "battesimo" delle immagini e riconoscere quelle storie come proprie. Osservandole, visitandole come un luogo, le foto diventano attivatori di narrazione. Il raccontare rende comunicabile la propria esperienza, agli altri e a se stesso; le immagini evocano sensazioni, emozioni, da semplici fotografie diventano elementi di biografia che escono dalla fissita' del ricordo per diventare, come erano al momento dello scatto, una parte del movimento o dell'azione nell'ambiente.
(dopo un po' che J. sta osservando le fotografie)
T.: che effetto ti ha fatto esplorare quelle foto?
J.: in tutte c'e' qualcosa che mi ci fa avvicinare
T.: puoi indicarmi cos'e' che ti fa avvicinare? Cosa senti che ti appartiene un po'?
J.: mi appartengono questi occhi azzurri
T.: cosa ti ricordano quegli occhi azzurri?
J.: mia madre...
T.: ok, poi?
J.: questa foto qui invece mi ricorda me da piccolo
T.: quale dei due? (la foto ritrae due bimbi, seduti su un divano, il bimbo piu' grande tiene abbracciato quello piu' piccolo)

J.: quello minuscolo, perche' ha gli occhi storti e anche io da piccolo avevo gli occhi storti...
T.: ok
J.: di questa invece mi colpisce il piede che sta in tensione
T.: ti ricorda un piede in particolare?
J.: il mio di quando sono imbarazzato. Questa invece mi fa ridere (e' una foto con 4 bimbi in posa a"colonna")
T.: cosa ti fa ridere?
J.: che tutti i bambini hanno la stessa espressione, tranne questo. Mi ricorda quando mi obbligavano a fare le foto da piccolo per ricordo... e questa invece mi ricorda la bellezza di mia madre (e' la foto di una donna) molto bella, questa e'... una donna che ha fatto cinema... mia madre non l'ha fatto pero'... e questa invece e' mio padre
T.: ti somiglia moltissimo
J.: eh si, crescendo mi accorgo sempre di piu' che mi somiglia
Il terapeuta ora inquadra J. girando il display verso di lui.


T.: guarda qui e metti quella foto vicino al tuo viso... in cosa ti somiglia?
J.: il profilo e il sorriso, anche fisicamente un po': il tipo di capelli...
T.: cosa lo fa sorridere in quella foto... se tu potessi immaginare quello che lo sta facendo sorridere... cosa ti farebbe piacere immaginare?
J.: e' in vacanza, a Venezia, e quindi e' una situazione piacevole... poi accanto c'e' mia madre quindi, penso anche sia contento di questo.
Creando un ponte fra l'immagine di se' e l'immagine del padre, che ha perso quando era molto piccolo, J. puo' entrare in contatto non solo con le emozioni e le fantasie suscitate dalla fotografia, ma soprattutto puo' creare una storia, e reintegrare, cosi', il vuoto nella sua biografia.
Terapeuticamente e' ovvio tener presente la possibilita' - o la mancanza di possibilita' - per il cliente di poter ricordare quello che e' troppo doloroso aver perso, oppure il dolore di prendere contatto con quello che non si e' mai avuto. Nello spazio narrativo evocato, e' possibile esplorare le fantasie che J. ha fatto su di lui, sulla sua relazione con la madre, sui sottintesi circa i ruoli genitoriali cristallizzati nella sua visione della realta', il senso che questi rivestono nella propria storia, in quanto rappresentazione del modo soggettivo d'intendere il mondo.
E' sempre importante tener presente la tendenza a chiudere le gestalt inconcluse, ovvero, la necessita' tutta umana di concludere un lavoro o chiudere un'esperienza a causa della tensione o squilibrio provocati da una interruzione (effetto Zeigarnik).
Questo e' un fenomeno adattativo, sviluppatosi nella filogenesi, in un certo senso, e' anche qualcosa che usiamo nel lavoro con la fotografia: dalle visoni parziali di una situazione, favoriamo un processo di caricamento emotivo della situazione fotografata, finche' non comincia a operarsi il completamento. In un primo momento il completamento e' direttamente influenzato dal sistema di credenze della persona, credenza su se', sul mondo, sui legami familiari, le relazioni.
Successivamente cominciamo ad inserire dei piccoli elementi cognitivi/emotivi discrepanti dalla operazione di "completamento ufficiale" strutturatosi nel tempo.
T.: chi ti ha detto che e' tua madre quella spalla accanto a tuo padre? (la foto ritrae il padre, si vedono solo la spalla e il braccio di una donna accanto a lui)
J.: nessuno... penso, me lo immagino
T.: hai immaginato spesso che tua madre fosse una spalla accanto a tuo padre?
J.: forse e' il contrario
T.: in che modo tuo padre era una spalla accanto a tua madre?
J.: perche' era lui che lavorava, che portava i soldi, che ha comprato la casa...
T.: e una spalla fa tutte queste cose?...
J.: in questo caso si'...
T.: a teatro la spalla come si chiama?
J.: e' il coprotagonista
T.: beh, e' quello che lancia le battute all'attore principale no?... permette all'attore principale di fare lo spettacolo
J.: si' (sorride)
T.: che stai provando?
J.: e' curioso... anche io forse cerco delle persone che mi permettano di fare il mio spettacolo... cerco un co-protagonista
T.: ok, lascia andare la foto e guarda nel display... che cosa ti piacerebbe offrirti lavorando con queste fotografie?
A questo punto il lavoro procede con una sorta di inversione di accento: mentre prima erano le fotografie ad attivare e muovere le emozioni, adesso e' quello che il cliente sa di se stesso che comincia a inglobare quelle foto. Il mondo cognitivo ed emotivo comincia a riempire lo spazio fra una foto e l'altra in una sorta di ricostruzione "semistorica": inizia a costruirsi anche quello che in un primo momento sembra impossibile ricordare o immaginare. Ora e' possibile spostare l'attenzione dalle fotografie al "mondo interno" di J., creando un dialogo fra l'io che osserva e il se stesso immagine.
In questo spazio creato dalla dicotomia "io-me" e' possibile favorire l'emergere e la presa di contatto con un bisogno/desiderio che propone una forma ed una"direzione" al lavoro, dopo che l'esplorazione precedente ha fatto emergere il "contesto", "i pezzi di mondo" che il cliente conosce o che immagina circa la storia raccontata dall'insieme di foto.
J.: di sorprendermi... la sorpresa
T.: la sorpresa che ti auguri quale e'?
J.: di sorprendermi sempre
T.: il fatto e' che sorprendersi sempre e' quasi noioso... Dove e' la sorpresa se uno si sorprende sempre?
J.: il piu' possibile, sorprendere me stesso e sorprendere anche gli altri
T.: ok, saluta...
J.: ciao J.
(il terapeuta inquadra adesso le fotografie)
T.: allora, in quale di queste foto c'e' la sorpresa?
E' necessario poter passare fluidamente fra i vari livelli di testo e sotto-testo evocati: il testo e' quello che ricordo ufficialmente della situazione mostrata dalla fotografia e quello che so di quella situazione, il sottotesto e' quello che emerge durante il lavoro di confronto con quella fotografia.
In genere, quello che una persona cerca e' qualcosa che gia' e' presente nel suo orizzonte emotivo-cognitivo. Quando si va a caccia, si va con fucile o canna da pesca a seconda della preda che si cerca. Ad un livello, e' saggio presumere che quello che si sta cercando e' gia' nell'orizzonte visivo. La mano, prima ancora che afferri l'oggetto, gia' assume la forma dell'oggetto. In qualche modo in questa operazione quasi-mimetica ci inseriamo a 2 livelli:
  • accompagniamo il processo intenzionale del soggetto
  • creiamo un aggancio-alleanza che permetta di ampliare l'orizzonte esplorativo da una posizione che renda possibile prendere in considerazione diversi punti di vista.

Questa alleanza e' necessaria perche' permette di attraversare la frustrazione evocata dalla situazione inconclusa. Emozioni, pensieri, sentimenti ecc. che, se sono "fuori inquadratura", sono anche fuori della portata di quello che normalmente il cliente considera far parte di se stesso.
E' importante sottolineare lo spostamento della responsabilita' dal cliente, che cerca una risposta dal terapeuta (sorprendimi), al terapeuta che gliela rimanda chiedendogli "dove puoi trovare la sorpresa?" come operazione di responsabilizzazione del cliente sul suo fare.
Inoltre, per poter lavorare sullo sfondo e' necessario far emergere qualcosa in figura. In questo modo prepariamo il terreno per un eventuale lavoro sulle polarita' e, in ogni caso, per poter esplorare lo sfondo che sorregge cio' che e' in primo piano.
J.: forse in questa (indicando la foto con i due bimbi in cui il bambino piu' grande abbraccia quello piu' piccolo)
T.: prendila e mettila vicino a te (di nuovo inquadra J. e la foto)... che effetto ti fa?
J.: ...mi fa tenerezza pero' anche un po' paura
T.: che cosa ti fa tenerezza e cosa un po' paura?
J.: tenerezza lo sguardo del bambino neonato... e un po' paura l'abbraccio un po' cattivo dei bambini piccoli... come quando hanno i gatti da piccoli e gli fanno le peggio torture
T.: ok... lascia le foto... e ricrea la situazione qua con l'aiuto del gruppo
J. sceglie due persone, chiedendo loro se hanno voglia di aiutarlo a rappresentare la scena.

J.: tu sei il bambino cattivo che gioca con il gatto... mettiti seduto qui comodo e tu in mezzo alle sue gambe e se ce la fai imita l'abbraccio della fotografia
T.: manca il gatto...prendi anche il gatto (J. sceglie una persona)
J.: eh, il gatto pero' non so dove metterlo...
T.: bèh guarda la fotografia e trova dove e' evidente che vuoi metterlo
J.: tipo...che fa le fusa...su una gamba sua (sul bambino che viene abbracciato) appoggiato come fanno i gatti..cosi'...dovresti fare le fusa!
T.: poiche' abbiamo scelto di lavorare con le immagini fisse non c'e' bisogno di muovere tanto... che effetto ti fa (a J.) vedere la tua foto in carne ed ossa?
J.: e' un po' rigida, un po' troppo rigida
T.: metti quella fotografia vicino... e davanti a loro in modo che tu possa vedere sia la fotografia che la scultura che hai fatto... noti differenze?
J.: si'
T.: cosa?
J.: ecco forse il suo sguardo ora e' molto vicino a quello del bambino...
T.: come mai?
J.: e' un po' sornione non sai fino a che punto sta abbracciandolo oppure sta aspettando di fargli un dispetto
T.: senti ma nella foto cos'altro c'e'? come mai quei due bambini stanno in quella posizione?... che cosa e' che permette al bambino piu' grande di tenere il bambino piu' piccolo?
J.: ah... che e' appoggiato
T.: si, allora, prendi anche la poltrona, le poltrone.
(sceglie due persone, le sistema dietro i "bambini" facendoli appoggiare)
Cio' che viene ricostruito, in effetti, non e' l'immagine rappresentata in fotografia, quanto il vissuto e le fantasie evocate dalla rappresentazione interna dell'immagine.
Il continuo confronto fra le polarita' "quello che osservo" e " quello che immagino" permette di creare una storia che pur non essendo stata vissuta personalmente, appartiene profondamente a chi la racconta.
Qui creiamo una polarita' fra la foto come e' e l'immagine interna evocata.
Possiamo dare spazio alla discrepanza tra la foto e la scena immaginaria che poggia su quella foto: ad es. il gatto.
Nella drammatizzazione gestaltica di gruppo, diamo la possibilita' di dar vita a qualunque elemento che il paziente descrive nel suo racconto.
Lo sfondo comincia a caricarsi ed attivarsi fino al punto da poter diventare figura.
L'immagine che sembra prendere corpo per J. e' qualcosa che rimanda a una serie di abbracci, appoggi, tenerezze, soltanto, sembra che questo sia possibile tra cuccioli animali o bambini. Ma chi sostiene quei piccoli esseri? Il terapeuta invita a notare quello che manca, risulta quasi ovvio che manchi un appoggio solido. Per il terapeuta diventa un ovvio significativo in quanto salta agli occhi che la scultura che J. realizza ha una differenza importante rispetto la foto da cui si genera. I personaggi in carne e ossa non hanno l'appoggio che invece hanno i bimbi nella foto. Mancanza di appoggio che probabilmente rispecchia un vissuto di scarso sostegno dall'ambiente. L'invito a notare quello che manca porta J. a notare finalmente il divano (l'appoggio che esiste nella fotografia ed, evidentemente, non nel suo vissuto). Il terapeuta sceglie di portare nella rappresentazione l'elemento divano, cioe' un elemento di forte sostegno anche se inanimato. Probabilmente prima o poi potrebbe tornare utile.
L'inserimento degli elementi presenti nella fotografia scelta da J. per iniziare il lavoro amplia il campo percettivo e quindi il significato della storia che viene costruita, ospitando ed integrando di volta in volta elementi delle altre immagini.
J.: ecco, ora e' un po' meno rigida
T.: che effetto ti fa?
J.: mi sembra una foto di famiglia cosi'... inquietante!!
T.: si', esattamente una foto di famiglia, ma quello che hai costruito in che modo e' differente dalla fotografia che hai li' davanti?...
J.: manca un po' di purezza, non lo so
T.: purezza? quello che hai messo li davanti che cosa ha in piu'?... se fosse una foto di famiglia chi sarebbero i personaggi?
J.: il padre, la madre e dietro i figli
T.: prendi la foto in bianco e nero (quella con i quattro bambini in posa) che effetto ti faceva quella foto quando l'hai vista?
J.: mi faceva sorridere, perche' ci sono questi tre bambini che hanno lo stesso sorriso pero' un po' finto perche' sono in posa e invece quello sopra non ride
T.: ok scegli un'altra persona per fare quel bambino che sta sopra e mettila sopra a tutto il gruppo... e appoggia questa fotografia vicino a quell'altra.
J. fa sistemare la persona alle spalle del gruppo
Il terapeuta inizia a prendere gli elementi separati, significativi ma contattati isolatamente, riunendoli in un campo unico per vedere cosa emerge di nuovo, favorendo la riorganizzazione di una gestalt. Cambiare i dinamismi all'interno del campo crea un nuovo campo organizzato in modo narrativamente diverso dall'interazione dei singoli elementi. Anche se le foto sono appartenenti agli altri, e' lui che le organizza scegliendo il filo con il quale dargli un senso.
T.: guarda la foto...ti va bene come lo hai messo?
J.: si', si'
T.: adesso che effetto ti fa?
J.: ancora piu' inquietante
E' importante seguire l'attivazione emotiva, e' il segnale che qualcosa comincia ad organizzarsi. L'emozione comincia a dar forma a ricordi, considerazioni o fantasie.
T.: che cosa e' che ti inquieta di piu' adesso?
J.: la figura sopra
T.: come mai?
J.: sembra un fantasma
T.: sembra un fantasma... un fantasma di chi?... i fantasmi non si negano a nessuno, ognuno ha il suo personale... il tuo quale e'?
J.: mio padre
T.: tuo padre. Prendi la foto di tuo padre e mettila in cima alle altre due foto...guarda le tre foto adesso...che effetto ti fa?


Il puzzle di foto a terra ospita quello che si sta evocando in J. e si trasforma nel teatro familiare. Continua l'operazione di ponte emozionale degli elementi visivi delle fotografie nei frammenti d'immagine, di ricordo.
J.: ...una famiglia allargata
T.: che cos'e' che rende allargata quella famiglia?
J.: che ci sono tanti bambini con un padre soltanto
T.: ...e una spalla di madre
J.: esatto
T.: bene, mettiamo un pezzo di mamma nella scultura? Mi sembra che manchi no?... pero' attento cerca di sistemare la spalla della mamma vicino al padre... e' ovvio che non puoi fare a fette la persona, pero' prova a vedere...
J. sceglie una persona e la sistema nella "scultura".
J.: adesso e' una famiglia. Un po' strana ma e' una famiglia
T.: una famiglia che ti sorprende o una famiglia che conosci bene?
J.: no mi sorprende
T.: in quanto?
J.: e' una famiglia numerosa
T.: e che puoi dire a tuo padre a questo punto?... papa' questa e' la famiglia...
J.: che forse avrei voluto
T.: diglielo... e digli anche come mai e' proprio questa la famiglia che avresti voluto
J.: perche' mi avrebbe fatto piacere avere tanti fratelli
T.: mi avrebbe fatto piacere avere tanti fratelli...mi avrebbe fatto piacere poter contare sulla spalla di persone che mi vogliono bene, e' cosi'?
J.: si'
A questo punto la storia diventa uno "spaccato" dell'anima di J., o meglio della persona che lavorando su di se', ha reso "propria storia" quello che era un insieme di foto di persone sconosciute.
T.: c'e' qualche altra cosa che vuoi aggiungere e dire a tuo padre?
J.: magari un sorriso...lo potresti fare!! (ride rivolgendosi alla persona che interpreta il padre)
T.: (puntando la telecamera su J.) Va bene J. scelgo di fermarmi qua perche' altrimenti varchiamo i limiti della simulata didattica. Questo inizio di lavoro che effetto ti ha fatto e che cosa ti ha lasciato?
J.: mi ha sorpreso
E' importante per il terapeuta ricordare e tener presente che e' esattamente la richiesta iniziale con la quale J. ha iniziato il lavoro. E' il segnale di uno step raggiunto, ed e' essenziale dare il tempo al cliente di esplorarlo prima di passare al successivo.
T.: in quanto?
J.: in quanto ero abbastanza divertito di questa cosa e poi... invece...
T.: poi invece?
J.: mi manda un po' di tristezza e un po' di malinconia
T.: ti manda un po' di tristezza e di malinconia... e insieme alla tristezza e alla malinconia, che cosa puoi prendere di buono e utile per te?
J.: che la posso fare io una famiglia numerosa
T.: ah! dillo a tuo padre
(J. prende la fotografia del padre e guardandolo si rivolge a lui).
J.: papa', se non muoio prima come sei morto te potro' farla io una famiglia numerosa
T.: ...ora prova ad entrare nella scultura.
L'inserimento di J. nella "scultura" ha il senso di promuovere l'integrazione di quelle parti di se' dalle quali si era funzionalmente distanziato durante il lavoro della loro rappresentazione.
J.: mi metto accanto al gatto
T.: ...che effetto fa?
J.: strano
T.: cioe'?
J.: non mio
T.: scusa non cercavi una sorpresa...che effetto fa stare in una cosa che non senti tua ma che hai costruito tu?
Il terapeuta, alla riluttanza di J., ridefinisce il suo termine "strano" come una variante della sorpresa, effetto da lui auspicato all'inizio del lavoro. Questo permette di facilitare l'attraversamento degli eventuali disagi che il cliente incontra nell'andare avanti.
J.: scomodo
T.: cosa e' che la rende scomoda?
J.: la posizione che ho scelto
T.: e perche' hai scelto una posizione scomoda?
J.: non lo so... per imbarazzo
T.: e tu quando sei imbarazzato scegli una posizione scomoda?... prendi la foto dei due bambini... guardala... come stanno quei due bambini?
J.: comodi
T.: comodi... loro sono due bambini e si mettono comodi...
J.: io sono adulto e mi metto scomodo!
T.: e come mai?...cosa potresti imparare da quella fotografia? la piu' piccola delle cose che in questo momento ti accorgi potresti prendere di buono e utile per te ... cara foto mi insegni... cara foto, forse ti ho preso per imparare, un po' con sorpresa...
Il terapeuta propone alcune frasi da far completare al cliente allo scopo di fornire un sostegno all'espressione di contenuti affettivi intensi.
J.: a stare comodo
T.: a stare comodo quando?
J.: quando sono imbarazzato
T.: lo vedi imbarazzato quel bambino?
J.: no
T.: che cosa sta facendo quel bambino?
J.: sta appoggiato
T.: soltanto?... quale dei due sta appoggiato?
J.: entrambi... lui sta appoggiato alla poltrona e lui all'altro bambino
T.: e c'e' una qualita' differente tra i due appoggi?
J.: si, il bambino piccolo e' tranquillo
A questo punto e' importante prendere in considerazione l'imbarazzo come la copertura che protegge dal contatto con dei vissuti che in qualche modo J. percepisce come pericolosi. Ora il gioco di confronto fra il vissuto che lui prova e la foto da cui e' nata la scultura cambia il processo del lavoro: da cognitivo-emozionale passa ad un confronto che poggia su vissuti fisici, posturali, emozioni incarnate. La storia evocata dalla fotografia comincia a mutare di segno affettivo.
T.: e come mai?
J.: perche' e' abbracciato
T.: perche' e' abbracciato... e il bambino grande?
J.: il bambino grande e' divertito
T.: divertito, soltanto?
J.: e sereno!
T.: sembrerebbe... sei tu che guardi la foto, di' quello che e' nella tua testa...
J.: si', e' sereno!
T.: e cosa lo rende sereno?
J.: sia abbracciare questo bambino piccolo sia penso... la persona che gli fa la foto!
T.: puo' darsi. Secondo te chi gli sta facendo la foto?
J.: il papa'
T.: papa', io come quel bambino vorrei...
J.: essere sereno
T.: quando?
J.: quando mi appoggio agli altri
T.: no, quel bambino non si sta appoggiando... che sta facendo?
In questo momento e' importante per J. prendere contatto con quello che evidentemente e' presente nella foto ma che sembra incapace di nominare, qualcosa che non ha avuto, ma che finalmente appare consapevolmente come mancanza e quindi verbalizzabile. In questo modo sta fornendo continuita' a qualcosa che la morte del padre ha interrotto.
J.: quando abbraccio
T.: chi? pinco pallino?
J.: una persona a cui voglio bene
T.: per esempio un bambino... come forse hai fatto tu papa' quando...
J.: quando ero piccolino
T.: certo! che stai provando?
J.: un po' di dispiacere
T.: dispiacere per?
J.: in quanto non mi ricordo quando mi abbracciava quando ero piccolo... ero troppo piccolo
T.: come quel bambino nella foto?
J.: piu' o meno
T.: sai, a volte puo' essere un piacere... fare qualcosa di assolutamente non straordinario, una cosa che si ripete nel tempo... essere figli, diventare padri, diventare nonni, avere nipoti... e a seconda del credo religioso si puo' ricominciare!... che cosa stai provando in questo momento?
J.: tranquillita'
Il vissuto emotivo mette in contatto con una reale chiusura dell'esperienza. Il desiderio iniziale di sorpresa si trasforma in una tranquillita' ottenuta, che puo' fare a meno di sorprese.
Il presente lavoro poggiava su dei frammenti fotografici che, nell'operazione narrativa operata da J., hanno preso la forma delle interruzioni nei suoi rapporti significativi.
In un certo senso, abbiamo lavorato con tutto quello che non si vede nella fotografia ma e' nel vissuto personale e percettivo del mondo della persona che ha dato vita a J. L'atto di percezione della foto diventa un atto quasi percettivo nella misura in cui percepiamo come realta' una rappresentazione di quella realta'. Nel lavoro presentato abbiamo ampliato e dato corpo a quel quasi percepire.
Abbiamo dato forma concreta, reale e qui ed ora a quella che era la "rappresentazione" cognitiva, emotiva, narrativa e mentale di quelle fotografie.
J., la persona che le ha "battezzate" come la biografia di J., ha potuto riprendersi qualcosa che nessuna fotografia avrebbe potuto mai dargli: il contatto, l'odore, le sensazioni, un gruppo familiare che era impossibile fotografare perche' non era mai esistito. In questo modo J. e' potuto entrare in relazione con un filo interrotto nella propria storia personale.

Pubblicato sulla Rivista Nuove Arti Terapie (Nuova Associazione Europea per le Arti Terapie)
N° 2 anno I 2008
Nuove Artiterapie: La Mediazione Artistica nella Relazione d'Aiuto
Roma: Via Costantino Morin, 24 - tel/fax 06.3725626
www.nuoveartiterapie.net