Guida ai Master e Corsi di Psicologia per professionisti

SAIGA. Corsi ECM: Terapia Dignità; DAT; Psiconcologia; Gruppo; Lutto, bambini; Adolescenti - Torino

SAIGA
Società Adleriana Italiana Gruppi e Analisi

Corsi ECM: Terapia della dignità; Disposizioni anticipate di trattamento (DAT); Psiconcologia; Équipe sanitaria, gruppo; Elaborazione del lutto, bambini, genitorialità; Adolescenti, Disturbi di Personalità, Dipendenza - Torino

DIREZIONE
Torino: V. Principe Amedeo, 16 - 011.8129274
www.saiga.it
MASTER CORSI DI FORMAZIONE IN PSICOLOGIA 2020
CORSO ECM: TERAPIA DELLA DIGNITÀ, RELAZIONE CON IL PAZIENTE
Corso: 'Dignità del paziente nel fine vita'
Aspetti esistenziali e teorici-pratici della terapia della dignità
1 giornata: 19 Settembre 2020

Presentazione
Le cure palliative rappresentano per definizione il luogo della cura globale e multidisciplinare, dove il trattamento e il controllo del dolore e delle problematiche fisiche, psicologiche, sociali e spirituali diventano di importanza fondamentale.
In tal senso obiettivo principale delle cure palliative diventa dare senso e dignità alla vita dei pazienti fino alla fine, favorendo un percorso di riconciliazione e pacificazione rispetto alla vita del malato e delle persone che gli stanno attorno.
Negli ultimi decenni sono stati compiuti diversi studi finalizzati a comprendere e sostenere meglio i pazienti nell'ultima fase della loro vita, prestando particolare attenzione a una delle dimensioni più importanti dell'essere umano, quella centrata sulla dignità.
Harvey Max Chochinov ha elaborato un modello empirico per la valutazione del grado di percezione della dignità nei malati che affrontano il fine vita, e sulla base di questo modello ha sviluppato una forma innovativa di intervento individualizzato breve, destinato a persone gravemente ammalate.
L'obiettivo della Terapia della Dignità è di migliorare l'esperienza della fine della vita, aiutando il paziente e i suoi familiari a preservare l'identità personale e ad affermare i propri valori in questa fase delicata dell'esistenza.
Obiettivi
- Comprendere il modello teorico della Dignity Therapy (DT) e le sue componenti strutturali
- Definire la pratica clinica della Terapia della Dignità e sviluppare competenze di base nella sua applicazione
- Favorire l'impiego della DT in diversi contesti clinici
Obiettivo formativo di processo: aspetti relazionali (la comunicazione interna, esterna, con paziente) e umanizzazione delle cure.
Destinatari
Medici (Spec. Chirurgia generale, Medicina generale, Ematologia, Geriatria, Medicina interna, Oncologia, Psichiatria, Psicoterapia, Radioterapia, Cure palliative, Endocrinologia, Cardiologia, Anestesia e Rianimazione, Malattie metaboliche e Diabetologia); Psicologi (Spec. Psicologia, Psicoterapia); Assistenti sanitari; Dietisti; Educatori; Fisioterapisti; Infermieri; Logopedisti; Tecnici della riabilitazione psichiatrica, Terapisti occupazionali; Assistenti sociali, Operatori socio sanitari (OSS); Volontari; Studenti di Medicina, Psicologia, Scienze infermieristiche e professioni sanitarie.
Sede di svolgimento
Torino: presso S.A.I.G.A. - Via Principe Amedeo, 16.
Durata
Il Corso: 'Dignità del paziente nel fine vita' si articola in una giornata (sabato, dalle ore 09.00 alle ore 18.00)
Metodologia
Formazione teorica, attivazioni in gruppo e spazi di discussione delle esperienze degli operatori, tesi ad articolare un modello dell'intervento declinabile sullo stile relazionale individuale dei partecipanti e applicabile in differenti contesti operativi.

Programma
- La dignità
- Dignità e persona
- Dalla palliazione dei sintomi alla qualità di vita
- La dignità della persona nella fase terminale
- La ricerca di senso
- Aspetti chiave e pratica della Dignity Therapy (a chi è rivolta, come introdurla, le domande del protocollo)
- Dignity Therapy: editing del documento generativo.

Numero partecipanti
Massimo di 40 persone.
Docente
Dott. Andrea Bovero
Accreditamento
Il Corso conferisce 11,6 crediti ECM.
Modalità di iscrizione
Per informazioni e iscrizioni contattare la S.A.I.G.A. tramite il form sottostante oppure al numero 011.8129274.
Costi
Il costo del Corso è di € 122.
Sconto del 20% per i soci S.A.I.G.A.: € 97,60.
Sconto del 50% per studenti, tirocinanti e specializzandi: € 61.

Contatta SAIGA: Corso: 'Dignità del paziente nel fine vita' - Torino
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: SAIGA: Corso: 'Dignità del paziente nel fine vita' - Torino
CORSO ECM: DISPOSIZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO, FINE VITA, RELAZIONE DI CURA
Corso: 'Disposizioni anticipate di trattamento (DAT): scelte del paziente nel fine vita'
1 giornata: 24 Ottobre 2020

Presentazione
La Legge 219/17 "Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento" ha l'intento di favorire il rispetto delle volontà della persona malata nella pianificazione e nell'erogazione delle cure.
La malattia, la vecchiaia e la morte sono eventi costitutivi dell'esistenza umana e dunque è nella relazione professionale con la persona malata e i suoi familiari che si mette in gioco l'operatore, così come nel rapporto con gli altri professionisti della cura.
La consapevolezza che le convinzioni personali influenzano la modalità di gestire la relazione di cura implica un costante lavoro su di sé per non confondere i piani, per restituire all'altro ciò che gli appartiene.
La legge 219/17 costituisce per gli Psicologi, come per gli altri professionisti della cura, una grande opportunità di riflessione e di ridefinizione delle proprie pratiche professionali e in qualche modo obbliga ad interrogarsi sul ruolo che ciascun operatore può assumere nell'intero processo comunicativo e decisionale.
Le scelte terapeutiche in caso di malattie degenerative e a prognosi infausta e le disposizioni di fine vita costituiscono momenti critici fondamentali nella vita delle persone e influiscono non solo sul singolo, ma anche sul suo intero sistema relazionale e sull'intera comunità civile.
La persona che intraprende un percorso di pianificazione condivisa delle cure, così come la persona che redige le proprie disposizioni anticipate di trattamento, si trova a doversi interrogare non solo sulle proprie volontà, ma anche su tutte le conseguenze che le sue decisioni assumeranno nei confronti delle persone con cui ha dei legami significativi, sui processi comunicativi che si renderanno necessari con tutti gli interlocutori coinvolti, sulle dinamiche relazionali che si svilupperanno.
Obiettivi
Conoscere il materiale esistente in termini di decisioni di fine vita al fine di compilare consapevolmente questo mezzo di autodeterminazione e di riflettere sull'inevitabilità della morte per comprendere ciò che si vorrebbe per sé nel caso ci si trovasse in una condizione terminale e impossibilitati a comunicare le proprie scelte.
Obiettivo formativo di processo: aspetti relazionali (la comunicazione interna, esterna, con paziente) e umanizzazione delle cure.
Destinatari
Medici (Spec. Chirurgia generale, Medicina generale, Ematologia, Geriatria, Medicina interna, Oncologia, Psichiatria, Psicoterapia, Radioterapia, Cure palliative, Endocrinologia, Cardiologia, Anestesia e Rianimazione, Malattie metaboliche e Diabetologia); Psicologi (Spec. Psicologia, Psicoterapia); Assistenti sanitari; Dietisti; Educatori; Fisioterapisti; Infermieri; Logopedisti; Tecnici della riabilitazione psichiatrica, Terapisti occupazionali; Assistenti sociali, Operatori socio sanitari (OSS); Volontari; Studenti di Medicina, Psicologia, Scienze infermieristiche e professioni sanitarie.
Sede di svolgimento
Torino: presso S.A.I.G.A. - Via Principe Amedeo, 16.
Durata
Il Corso: 'Disposizioni anticipate di trattamento (DAT): scelte del paziente nel fine vita' si articola in una giornata (sabato, dalle ore 09.00 alle ore 18.00)
Metodologia
Formazione teorica, attivazioni in gruppo e spazi di discussione delle esperienze degli operatori, tesi ad articolare un modello dell'intervento declinabile sullo stile relazionale individuale dei partecipanti e applicabile in differenti contesti operativi.

Programma
Durante il Corso vengono trattate le seguenti tematiche:
- Il dolore
- La morte
- Il suicidio assistito
- L'eutanasia
- Il distress esistenziale
- Le Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT)
- Il Testamento Biologico
- La pianificazione di cure
- La responsabilità e il potere
- La dignità e l'autodeterminazione
- Il valore delle scelte
- L'importanza della comunicazione
- L'empatia e la compassione
- La famiglia e l'èquipe
- Il burn-out
- Il ruolo dell'èquipe
- Compiti dello Psicologo

Numero partecipanti
Massimo di 40 persone.
Docente
Dott. Andrea Bovero
Accreditamento
Il Corso conferisce 11,6 crediti ECM.
Modalità di iscrizione
Per informazioni e iscrizioni contattare la S.A.I.G.A. tramite il form sottostante oppure al numero 011.8129274.
Costi
Il costo del Corso è di € 122.
Sconto del 20% per i soci S.A.I.G.A.: € 97,60.
Sconto del 50% per studenti, tirocinanti e specializzandi: € 61.

Contatta SAIGA: Corso: 'Disposizioni anticipate di trattamento (DAT): scelte del paziente nel fine vita' - Torino
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: SAIGA: Corso: 'Disposizioni anticipate di trattamento (DAT): scelte del paziente nel fine vita' - Torino
CORSO ECM DI PSICONCOLOGIA: I BISOGNI DEI PAZIENTI E DEI CAREGIVERS
Corso: 'I bisogni psicosociali dei pazienti e dei caregivers in oncologia'
Durata: 1 giornata

Obiettivi
- Garantire ai pazienti, ai familiari e agli operatori socio-sanitari un'assistenza attenta ai bisogni psicologici, sociali e spirituali.
Destinatari
Medici (Spec. Chirurgia generale, Medicina generale, Ematologia, Geriatria, Medicina interna, Oncologia, Psichiatria, Psicoterapia, Radioterapia, Cure palliative, Endocrinologia, Cardiologia, Anestesia e Rianimazione, Malattie metaboliche e Diabetologia); Psicologi (Spec. Psicologia, Psicoterapia); Assistenti sanitari; Dietisti; Educatori; Fisioterapisti; Infermieri; Logopedisti; Tecnici della riabilitazione psichiatrica, Terapisti occupazionali; Assistenti sociali, Operatori socio sanitari (OSS); Volontari; Studenti di Medicina, Psicologia, Scienze infermieristiche e professioni sanitarie.
Sede di svolgimento
Torino: presso S.A.I.G.A. - Via Principe Amedeo, 16.
Metodologia
Formazione teorica, attivazioni in gruppo e spazi di discussione delle esperienze degli operatori, tesi ad articolare un modello dell'intervento declinabile sullo stile relazionale individuale dei partecipanti e applicabile in differenti contesti operativi.

Programma
- La valutazione multidisciplinare dei bisogni, il distress, la qualità di cura, i bisogni dei pazienti e dei familiari nelle diverse fasi della vita, i bisogni psicologici del morente e dei familiari, i bisogni insoddisfatti, i bisogni dei curanti, gli aspetti generali della relazione d'aiuto, il sostenere il cambiamento nei pazienti e nei caregivers
- Dalla minaccia di morte all'opportunità di crescita esistenziale, le strutture e i percorsi per incontrare e rispondere ai bisogni dei pazienti e dei loro caregivers, gli interventi psicologici nelle diverse fasi di malattia

Numero partecipanti
Massimo di 40 persone.
Docente
Dott. Andrea Bovero
Accreditamento
Il Corso conferisce 11,6 crediti ECM.
Modalità di iscrizione
Per informazioni e iscrizioni contattare la S.A.I.G.A. tramite il form sottostante oppure al numero 011.8129274.
Costi
Il costo del Corso: 'I bisogni psicosociali dei pazienti e dei caregivers in oncologia' è di € 122.
Sconto del 20% per i soci S.A.I.G.A.: € 97,60.
Sconto del 50% per studenti, tirocinanti e specializzandi: € 61.

Contatta SAIGA: Corso: 'I bisogni psicosociali dei pazienti e dei caregivers in oncologia' - Torino
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: SAIGA: Corso: 'I bisogni psicosociali dei pazienti e dei caregivers in oncologia' - Torino
CORSO ECM: ÉQUIPE SANITARIA, DINAMICHE DI GRUPPO E CONFLITTI
Corso: 'Il lavoro di équipe: bisogni degli operatori e gestione dei conflitti'
Durata: 1 giornata

Presentazione
Lavorare in Cure Palliative implica un costante confronto con l'esperienza della malattia, con il processo del morire e con la morte.
Tale confronto non può avvenire senza un significativo coinvolgimento umano, spirituale/esistenziale, personale e professionale dei diversi operatori coinvolti.
Per questo sono previsti specifici interventi di supporto psicologico all'équipe.
A livello sociale il cancro rappresenta il modello di malattia mortale, in quanto determina un particolare disordine emotivo ed esistenziale non solo in chi ne viene colpito, ma anche nelle persone che svolgono una funzione di supporto e di assistenza alla persona malata.
Il cancro rappresenta sempre, per il paziente e per la sua famiglia ma anche per i clinici, una prova esistenziale sconvolgente; questa prova riguarda tutti gli aspetti della vita: il rapporto col proprio corpo, il significato dato alla sofferenza, alla malattia, alla morte, così come le relazioni familiari, sociali e professionali.
Tutte le figure professionali che operano in contesti in cui sia frequente "l'evento morte" sono potenzialmente esposte a problematiche emotive specifiche, che possono incidere significativamente sulla qualità della relazione d'aiuto e dell'intervento sanitario ed assistenziale, nonché sul funzionamento dell'équipe.
La finalità principale è quella di offrire un momento di confronto tra operatori socio-sanitari, al fine di orientare ed esprimere i loro bisogni di supporto all'interno di percorsi psicologici appropriati, di analizzare le dinamiche relazionali conflittuali e fornire degli strumenti di gestione del conflitto.
Obiettivi
- Garantire agli operatori socio-sanitari un'assistenza attenta ai bisogni psicologici, sociali e spirituali
- Identificare le dinamiche e i meccanismi ricorrenti dei conflitti nel contesto organizzativo
- Sviluppare competenze relazionali specifiche nella gestione del conflitto
Obiettivo formativo di processo: aspetti relazionali (la comunicazione interna, esterna, con paziente) e umanizzazione delle cure.
Destinatari
Medici (Spec. Chirurgia generale, Medicina generale, Ematologia, Geriatria, Medicina interna, Oncologia, Psichiatria, Psicoterapia, Radioterapia, Cure palliative, Endocrinologia, Cardiologia, Anestesia e Rianimazione, Malattie metaboliche e Diabetologia); Psicologi (Spec. Psicologia, Psicoterapia); Assistenti sanitari; Dietisti; Educatori; Fisioterapisti; Infermieri; Logopedisti; Tecnici della riabilitazione psichiatrica, Terapisti occupazionali; Assistenti sociali, Operatori socio sanitari (OSS); Volontari; Studenti di Medicina, Psicologia, Scienze infermieristiche e professioni sanitarie.
Sede di svolgimento
Torino: presso S.A.I.G.A. - Via Principe Amedeo, 16.
Durata
Il Corso: 'Il lavoro di équipe: bisogni degli operatori e gestione dei conflitti' si articola in una giornata (sabato, dalle ore 09.00 alle ore 18.00)
Metodologia
Formazione teorica, attivazioni in gruppo e spazi di discussione delle esperienze degli operatori, tesi ad articolare un modello dell'intervento declinabile sullo stile relazionale individuale dei partecipanti e applicabile in differenti contesti operativi.

Programma
Durante il Corso vengono trattate le seguenti tematiche:
- Valutazione multidisciplinare dei bisogni
- Il distress
- Qualità di cura
- Bisogni dei curanti
- Aspetti generali della relazione d'aiuto
- La sofferenza degli operatori
- Interventi psicologici di sostegno dell'équipe
- Il conflitto
- Il conflitto in ambito sanitario
- Cause del conflitto
- Dinamiche del conflitto e le sue ricadute organizzative e relazionali
- Strategie di gestione dei conflitti
- Consapevolezza rispetto al proprio modo di gestire e vivere le situazioni conflittuali
- Requisiti per lavorare efficacemente in gruppo
- Sostenere il cambiamento nei pazienti e nei caregivers

Numero partecipanti
Massimo di 40 persone.
Docente
Dott. Andrea Bovero
Accreditamento
Il Corso conferisce 11,6 crediti ECM.
Modalità di iscrizione
Per informazioni e iscrizioni contattare la S.A.I.G.A. tramite il form sottostante oppure al numero 011.8129274.
Costi
Il costo del Corso è di € 122.
Sconto del 20% per i soci S.A.I.G.A.: € 97,60.
Sconto del 50% per studenti, tirocinanti e specializzandi: € 61.

Contatta SAIGA: Corso: 'Il lavoro di équipe: bisogni degli operatori e gestione dei conflitti' - Torino
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: SAIGA: Corso: 'Il lavoro di équipe: bisogni degli operatori e gestione dei conflitti' - Torino
CORSO ECM: ELABORAZIONE DEL LUTTO, BAMBINI, GENITORIALITÀ
Corso: 'Quanti chilometri ci sono tra qui e il cielo?'
Percorsi psicologici con genitori e bambini che attraversano l'esperienza della terminalità e del lutto di un genitore
1 giornata: 20 Giugno 2020

Presentazione
La morte di una persona amata rappresenta una delle esperienze emotive più dolorose vissute dall'essere umano.
Lavorare poi con minori che affrontano l'esperienza della malattia, della terminalità e del lutto di un genitore significa lavorare su una tipologia di evento che può assumere dimensioni catastrofiche, con conseguenze destabilizzanti per lo sviluppo.
Questo tipo di lavoro, infatti, pone dinnanzi ad una importante ferita alla continuità ed integrità del senso di sé del bambino (Bowlby 1980, Pynoos, Steinberg e Piacentini 1999), che può esitare in scenari differenti e perseguire distinte traiettorie di sviluppo.
Tale "ferita" risulta però inderogabilmente connessa alla necessità che gli adulti offrano al minore uno sguardo attento, un accoglimento profondo e delicato, una esperienza relazionale "pensante" che lo sostenga nel complesso compito rielaborativo che il lutto porta in sé.
Attraversare la perdita di un genitore per un bambino può rappresentare una esperienza di forte dolore psichico, che può però divenire passaggio di vita ed alla vita, in cui tenere viva la possibilità che il mondo degli affetti, delle relazioni, delle esperienze e della crescita possa ancora avere un senso, una coerenza.
Allo stesso tempo, al fine di proteggere la salute dei bambini, risulta di rilevante importanza poter sostenere ed accompagnare gli adulti in qualità di genitori: durante le esperienze di perdita di un caregiver primario, il lavoro con il genitore in vita risulta occasione preziosa per potenziare ed intensificare il legame in vita tra adulto e bambino, imbastire "cantieri" atti alla costruzione di un dialogo affettivo e profondo anche sui contenuti più dolorosi, condividere il dolore tra adulti, in modo tale da viverlo nella relazione con i piccoli in modo più elaborato, affrontabile e condivisibile.
Obiettivi
- Innalzare la conoscenze sul lutto infantile e sulle possibilità rielaborative ad esso connesse, diversificando rispetto ad acquisizioni e competenze del bambino
- Proporre un approccio comunicativo che sostenga la possibilità rielaborativa del lutto per il bambino
- Innalzare le conoscenze rispetto ai percorsi clinici di sostegno alla genitorialità durante la terminalità del genitore nel fine vita
- Potenziare le competenze nel costruire interventi a sostegno dei minori che attraversano l'esperienza della terminalità e del lutto di un genitore
Obiettivo formativo di processo: aspetti relazionali (la comunicazione interna, esterna, con paziente) e umanizzazione delle cure.
Destinatari
Medici (Spec. Chirurgia generale, Medicina generale, Ematologia, Geriatria, Medicina interna, Oncologia, Pediatria, Neuropsichiatria Infantile, Pscihciatria, Radioterapia, Cure palliative, Endocrinologia, Cardiologia, Anestesia e Rianimazione, Malattie metaboliche e Diabetologia); Psicologi (Spec. Psicologia, Psicoterapia); Assistenti sanitari; Dietisti; Educatori; Fisioterapisti; Infermieri; Logopedisti; Tecnici della riabilitazione psichiatrica, Terapisti occupazionali; Assistenti sociali, Operatori socio sanitari (OSS); Volontari; Studenti di Medicina, Psicologia, Scienze infermieristiche e professioni sanitarie.
Sede di svolgimento
Torino: presso S.A.I.G.A. - Via Principe Amedeo, 16.
Durata
Il Corso: 'Quanti chilometri ci sono tra qui e il cielo?' si articola in una giornata (sabato, dalle ore 09.00 alle ore 18.00).
Metodologia
Formazione teorica, attivazioni in gruppo e spazi di discussione delle esperienze degli operatori, tesi ad articolare un modello dell'intervento declinabile sullo stile relazionale individuale dei partecipanti e applicabile in differenti contesti operativi.

Programma
Durante il Corso vengono proposti contenuti relativamente alle seguenti tematiche:
- La morte di un genitore nell'infanzia e nella prima fanciullezza
- Il processo di rielaborazione del lutto nel bambino
- Gli interventi clinici con il bambino che proteggono dallo sviluppo di una psicopatologia e gli interventi di rete
- Il percorso di sostegno alla genitorialità durante la terminalità del genitore nel fine vita
- Il sostegno per la figura dello Psicoterapeuta

Numero partecipanti
Massimo di 40 persone.
Docente
Dott.ssa Enrica Cavalli.
Accreditamento
Il Corso conferisce 11,6 crediti ECM.
Modalità di iscrizione
Per informazioni e iscrizioni contattare la S.A.I.G.A. tramite il form sottostante oppure al numero 011.8129274.
Costi
Il costo del Corso è di € 122.
Sconto del 20% per i soci S.A.I.G.A.: € 97,60.
Sconto del 50% per studenti, tirocinanti e specializzandi: € 61.

Contatta SAIGA: Corso: 'Quanti chilometri ci sono tra qui e il cielo?' - Torino
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: SAIGA: Corso: 'Quanti chilometri ci sono tra qui e il cielo?' - Torino
CORSO ECM: ADOLESCENTI, DISTURBI PERSONALITÀ, DIPENDENZA, PSICOSOCIALE
Corso: 'Forme attuali di disagio in adolescenza'
2 giornate (seguibili singolarmente): 30 Maggio e 3 Ottobre 2020

Presentazione
Il Corso propone una focalizzazione su alcune forme di disagio in adolescenza molto attuali e che hanno un grande impatto sul piano clinico e sociale: le diverse forme di comportamenti violenti e radicalizzati, il ritiro sociale e l'uso patologico dei social media.
Le recenti ricerche sulla personalità antisociale, in particolare in ambito evolutivo e neuropsicologico, consentono oggi una nuova comprensione dei fattori di rischio, individuali, familiari e sociali.
Quale intervento è possibile, in ambito preventivo, terapeutico e di trattamento istituzionale? In questo quadro un aspetto importante è costituito dall'estremismo, che è tipico degli adolescenti: credenze assolute, senza compromessi, per le quali battersi fino a morire o uccidere.
Le scelte estreme sono guidate da ideali intransigenti, in nome dei quali gli adolescenti possono ritirarsi socialmente, digiunare, attaccare il proprio corpo o agire in modo violento.
Gli ideali prendono la forma di ideologie radicali, individuali o collettive, religiose o politiche, ma sono basati su ragioni emotive.
Oggi siamo soprattutto allarmati dalla radicalizzazione islamica, che ci appare come un processo estraneo alla nostra cultura.
In realtà ci sono molti modi in cui si può esprimere l'estremismo degli adolescenti, in funzione del contesto sociale e culturale in cui crescono e vivono.
La rivoluzione digitale ha creato ambienti espressivi nei quali gli adolescenti non solo sperimentano nuove possibilità di realizzazione, ma si rifugiano in occasione di gravi crisi evolutive, in una forma di autoricovero che esprime sia il dolore sia un tentativo di risolverlo, come avviene nel ritiro sociale, la più significativa manifestazione del disagio giovanile odierno.
Nei confronti di una generazione cresciuta "nella rete", è necessario interrogarsi su come distinguere un uso adattivo dei social e dei videogiochi da un sintomo di malessere o dipendenza.
Obiettivi
Il corso intende fornire alcune riflessioni teoriche e indicazioni operative per la valutazione e il trattamento degli adolescenti antisociali, nonché strumenti per la comprensione e indicazioni per la prevenzione ed il trattamento delle diverse tipologie di disagio che si esprimono attraverso comportamenti violenti.
Fornisce anche strumenti per la comprensione psicodinamica del ritiro sociale ed indicazioni sugli orientamenti clinici che guidano la presa in carico dell'adolescente in una prospettiva evolutiva.
Destinatari
Il Corso: 'Forme attuali di disagio in adolescenza' è rivolto a Psicologi; Medici Psichiatri, Neuropsichiatri Infantili, Psicoterapeuti, Pediatri; Educatori; Tecnici della Prevenzione; Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica; Assistenti Sociali; Insegnanti, Studenti universitari e specializzandi.
Sede di svolgimento
Torino: Via San Francesco da Paola, 23.
Durata
Il Corso si articola in 2 giornate (sabato, ore 09.00-17.00), seguibili singolarmente.

Programma
I giornata - 30 Maggio 2020
Antisocialità e radicalizzazione in adolescenza
(Dott. Alfio Maggiolini)
II giornata - 3 Ottobre 2020
Ritiro sociale e vita virtuale in adolescenza
(Dott. Matteo Lancini)

Docenti
Dott. Alfio Maggiolini - Psicoterapeuta, docente di Psicologia del ciclo di vita presso l'Università di Milano - Bicocca e direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica dell'Adolescenza e del Giovane Adulto "Minotauro" di Milano.
Dott. Matteo Lancini - Psicologo e Psicoterapeuta di formazione psicoanalitica, Presidente delle Fondazione "Minotauro" di Milano e docente presso il Dipartimento di Psicologia dell'Università di Milano - Bicocca e presso la Scuola di formazione in Psicoterapia dell'Adolescente e del Giovane Adulto del Minotauro.
Accreditamento
Il Corso completo (comprensivo di entrambe le giornate) conferisce 14 crediti ECM.
Modalità di iscrizione
Per informazioni e iscrizioni contattare la S.A.I.G.A. tramite il form sottostante oppure al numero 011.8129274.
Costi
Il costo di ciascuna giornata del Corso è di € 122.
Sconto del 20% per i soci S.A.I.G.A.: € 97,60.
Sconto del 30% per studenti e specializzandi: € 85,40.

Contatta SAIGA: Corso: 'Forme attuali di disagio in adolescenza' - Torino
Nome e Cognome:
Mail (obbligatorio):
Telefono (Opzionale):
Informazioni richieste:


Scarica il pdf: SAIGA: Corso: 'Forme attuali di disagio in adolescenza' - Torino

SAIGA: Società Adleriana Italiana Gruppi e Analisi
Torino: V. Principe Amedeo, 16 - 011.8129274
www.saiga.it